Lockdown 2, Confcommercio chiede aiuti mirati alle imprese

Lucio Sindaco: ‘Non saranno tollerati ritardi e inadempienze’

 

Da Caserta l’appello alla Regione: ‘Subito un piano di sostegno economico’

Confcommercio Caserta non si opporrà ad un eventuale nuovo lockdown annunciato dal presidente della Regione, Vincenzo De Luca, a patto che venga immediatamente illustrato un piano di sostegno economico per tutte le attività imprenditoriali. Questa la posizione del presidente Lucio Sindaco che precisa: ‘Ai lavoratori va garantito un introito pari al reddito dichiarato, occorre prevedere un blocco delle imposte e una moratoria sui fitti così come è assolutamente necessario rivedere il decreto sulla Cassa integrazione per far sì che coinvolga anche i lavoratori assunti dopo il 13 luglio. Non è ammissibile infatti che la Regione, sebbene autorizzata dal Governo, possa adottare una misura così drastica come quella della chiusura totale senza aver dapprima pianificato un pacchetto di interventi a sostegno delle imprese. Ciò che chiediamo è una politica seria di sostentamento in grado di scongiurare il fallimento e la crisi di migliaia di attività. Non tollereremo nuovi ritardi e lungaggini burocratiche così come accaduto in primavera e vigileremo affinché venga predisposto per le imprese un’azione sinergica ed economicamente valida. Dinanzi all’incremento vertiginoso dei contagi da Covid-19 e alle difficoltà di tipo sanitario riscontrate dalle strutture ospedaliere – ha concluso il presidente di Confcommercio – non possiamo che augurarci dunque che un nuovo lockdown possa contribuire realmente e in tempi brevi a ridurre il numero dei casi positivi per far sì che l’economia possa registrare una ripresa nel periodo di Natale’.

Con cortese preghiera di pubblicazione

Per informazioni e contatti

Daniela Volpecina

Resp. Uff. Stampa

3481149417

danielavolpecina@gmail.com

https://www.facebook.com/confcommerciocampania/
       
       
       

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *