Maddaloni, Inno alla Vergine Addolorata, venerdì santo concerto della banda cittadina, il 2 aprile

MADDALONI (Caserta) – La situazione pandemica del coronavirus, covid-19, costringe a vivere la seconda settimana della Passione di Cristo in isolamento. Quest’anno, per quanto talune piccole concessioni sono state concesse, resta impossibile realizzare la processione del Cristo Morto e dell’Addolorata, detta anche del Venerdì Santo, a Maddaloni e con essa la tradizionale musica della banda non sarà fisicamente nei vicoli e strade principali cittadine a ricordare l’approssimarsi della resurrezione di Cristo Salvatore, dopo la crocifissione.

Per consentire di vivere seppur a distanza questo momento di coinvolgimento, carico di emozione e senso di appartenenza spirituale e tradizionale cittadina, l’associazione “Banda musicale della Città di Maddaloni”, con i suoi maestri e già precedentemente nota come Banda Sinfonica della Città di Maddaloni, trasmetterà in diretta radiofonica (attraverso l’emittente New Radio Network) e sui social un video concerto con l’Inno alla Vergine Addolorata. La Banda cittadina, come da consolidata tradizione ha realizzato il video concerto in collaborazione con l’orchestra Junior del Convitto Nazionale Statale “Giordano Bruno” di Maddaloni. Il concerto sarà diretto dal Maestro prof. Luigi Pascarella coadiuvato dal Maestro prof.ssa Domenica Papa.

Il concerto sarà trasmesso venerdì santo 2 aprile 2021 alle ore 19.

L’evento è patrocinato dall’associazione “Banda musicale della Città di Maddaloni” e dal Convitto Nazionale Statale “Giordano Bruno” di Maddaloni. In particolare va dato rilievo alla disponibilità del Rettore del Convitto prof. Rocco Gervasio per la grande attenzione verso la formazione musicale e strumentale dei suoi allievi e per l’ospitalità e la disponibilità nei confronti della scuola di musica bandistica e sinfonica diretta dal Maestro prof. Luigi Pascarella ed ospitata dai locali dell’antico convento francescano maddalonese. Altro plauso va riconosciuto alla proprietà della emittente radiofonica New Radio Network sempre sensibile alla valorizzazione di questi momento di valorizzazione dell’identità cittadina.

Il video del concerto è accompagnato da foto dei luoghi in cui le due bande hanno significativamente lasciato il segno delle proprie esibizioni. Ad aprire lo stesso un intervento introduttivo della prof.ssa Domenica Papa che contestualizza il momento e presenta il brano eseguito, anche con la partecipazione (sempre a distanza) di Maestri strumentisti maddalonesi anche impegnati oltre i confini territoriali. Il video di fatto accompagna il fedele maddalonese in una sorte di processione virtuale cittadina in attesa di poterla rivivere in futuro nuovamente di persona. La presentazione a distanza del brano con i tanti musicisti, ragazzi, giovani e adulti, alternata anche a foto storiche della processione nel tempo con l’omaggio a Maestri e Direttori passati a nuova vita è particolarmente emozionante.

La contestualizzazione finale poi, al momento storico attuale, con un piccolo vissuto della domenica delle Palme 2021, a chiusura del concerto “Pasqua 2021”, fermo restando il rispetto delle normative sul distanziamento, vuole essere da un lato l’Augurio che i Maestri Pascarella e Papa e il Rettore Gervasio fanno alla comunità e dall’altro l’auspicio di tornare presto a fare musica in presenza per la comunità.

Come di consueto si ricorda che per ascoltare e vedere la diretta del concerto sarà possibile connettersi al Gruppo Social “Banda Sinfonica di Maddaloni” (link) o a New Radio Network, in quest’ultimo caso è sufficiente sintonizzarsi in FM sui 89,80 mhz o in streaming su www.newradionetwork.com, dove è possibile seguire anche il live video o attraverso la pagina social facebook “new radio network official ” al link https://www.facebook.com/NewRadioNet/ . È possibile, inoltre, scaricare la App New Radio Network che consentirà di ascoltare la diretta dal proprio cellulare.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *