Mafalda di Savoia Vittima innocente dei nazisti

Mafalda di Savoia

Vittima innocente dei nazisti

Egr. Direttore,

fra le tante date storiche umanamente significative del calendario italiano, ritengo s’annoveri anche quella del 28 agosto 1944: in quella data, dopo quasi un anno di privazioni e torture fisiche e psicologiche, morì nel campo di concentramento nazista di Buchenwald la Principessa Mafalda di Savoia, Langravia d’Assia, figlia della Regina Elena.

Catturata dai nazisti con l’inganno a Roma il 22 settembre 1943, non curata adeguatamente per giorni dopo essere rimasta ferita in un bombardamento che coinvolse il campo, la Principessa morì, pregando i suoi compagni di sventura di ricordarla come una di loro.

Da sempre nemici di Casa Savoia, i nazisti la seppellirono a Weimar sotto una lapide che recitava “Una donna sconosciuta”, ma fu ritrovata, dopo ricerche impegnative, da cinque marinai di Gaeta e restituita alla memoria del mondo, testimone umile e silenziosa di atrocità che il mondo non avrebbe più dovuto sperimentare.

Dr. Alberto Casirati

Presidente Istituto della Reale Casa di Savoia (fondato nel 2002)

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *