Mario Pio trovato morto, il giovane era scomparso da Marcianise lo scorso venerdì

E’ stato trovato morto Mario Pio, il ragazzo scomparso da casa 4 giorni fa. Ad annunciarlo il sindaco, Antonello Velardi, sul suo profilo Facebook.

“Mariopio Zarrillo si è suicidato – ha scritto il primo cittadino qualche minuto fa – Una tragedia per tutti noi. Per tutta Marcianise. Il corpo del ragazzo è stato trovato in una villa abbandonata, villa Schiavo, all’angolo tra via San Francesco e via Marconi. MarioPio era stato visto l’ultima volta, venerdì sera intorno alle 23, mentre parcheggiava la sua auto proprio in via San Francesco. Il ritrovamento del cadavere è avvenuto a 100 metri di distanza”.

I genitori, appresa la notizia, sono stati colti entrambi da malore nella caserma dei Carabinieri. Al momento l’ipotesi del suicidio sembra essere quella più accreditata tra le forze dell’ordine.

Dietro la scomparsa del giovane 22enne di Marcianise, si pensava vi fosse un rapimento. L’ipotesi per l’indagine nasce dall’ultima telefonata fatta dal giovane a un amico in cui dichiara di aver visto qualcosa che non avrebbe dovuto vedere. Mario Pio è stato visto vivo l’ultima volta venerdì scorso dopo aver parcheggiato l’auto del padre, una Citroen C3, in via San Francesco, immortalato dalle telecamere di videosorveglianza. La macchina è stata ritrovata lì, ma del ragazzo nessuna traccia. Ai genitori avrebbe detto che si stava recando al Cento Campania, poi il messaggio alla fidanzata, l’ultimo: “Sei una bellissima persona, non cambiare”.

Con un post pubblicato sul proprio profilo, anche il sindaco di Marcianiseiè intervenuto sulla vicenda, facendosi portavoce dei sentimenti dei familiari. “Il papà Antonio – ha scritto il primo cittadino – tiene a sottolineare, mio tramite, che aspetta MarioPio a casa: gli chiedo – mi ha detto – di tornare subito, di non aver paura di nulla, di non temere qualsiasi reazione, di non continuare così come sta facendo. Nelle ricerche sono mobilitati i familiari, gli amici, la fidanzata”.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *