Maschere, colori e fantasia: A Venafro (IS) una tre giorni per il Carnevale

Si tratterà di un evento dilazionato su tre giornate ove una soltanto sarà la parola d’ordine: Leggerezza.

Attraverso il supporto organizzativo del Comune di Venafro e, per esso, il meticoloso operato del referente per gli eventi e spettacoli Aurelio Elcino e del Sindaco Alfredo Ricci, Venafro si prepara ad accogliere – ed entrarvi nel vivo –  tre giorni dedicati al  Carnevale, alle maschere, al divertimento, ai sorrisi, alla gioia.

Saranno felici prima di tutto  bambini,  ragazzi, ma anche i loro genitori, dato che sarà una di quella occasioni per far rivivere in ogni venafrano quel sentimento di gioia, di candido spirito, di sorriso, di spensieratezza che purtroppo troppo spesso son relegati nell’angolo, presi come siamo da frettolose e meccaniche gesta del quotidiano procedere. Dunque, è ora di godere un attimo. E “godere”, sia chiaro, non è un qualcosa di brutto o da associare necessariamente a bigotte visione voyeristiche borghesi. “Godere” è sana essenza, è giusta bellezza.

Ma capiamo meglio cosa offriranno queste giornate.

Si comincerà Sabato 18 Febbraio a Ceppagna, frazione di Venafro, dove in Piazza Padre Pio dalle 15.00 alle 18.00 ci sarà animazione per bambini, DjSet e Happy Hours.

A partire dalle 22.00, poi,  inizierà sul centralissimo Corso Campano di Venafro “La Notte di Carnevale” con prosecuzioni danzanti affidate ancora ai DJ.

Domenica 19 Febbraio, ancora su Corso Campano e in Piazza Portanuova, saranno allestiti spettacoli per bambini e animazioni magiche.

Chiuderà infine la tre giorni, la famosissima sfilata dei carri, sempre su Corso Campano, in programma Martedì 21 Febbraio.

E’ doveroso segnalare la collaborazione a tutto ciò di alcune associazioni: “Il Girasole”, la parrocchia “San Giovanni in Platea”, il Gruppo Scout Venafro, “Parasacco” e, da Ceppagna, l’associazione “Con il Cuore”.

Tutto è bello, quando il cuore sorride.

Loreto Zullo

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *