In tempo di Coronavirus Matilde Maisto racconta.

Un breve racconto di Matilde Maisto, che scrive alla sua famiglia in una circostanza molto critica della vita. E’ piuttosto personale, lei dice, ma io penso che molte altre persone possano vivere momenti come il mio e provare sentimenti più o meno similari. Condivido con voi tutte le mie emozioni, le mie sensazioni in questo momento in cui il COVID 19 riesce a catturare tutta la nostra attenzione, facendoci andare anche “oltre” con la nostra mente!

 

ALLA MIA AMATA FAMIGLIA NEL TEMPO DEL CORONAVIRUS

Purtroppo questa sera ho un po’ di febbre, è indubbiamente un brutto momento per avere un poco di febbre, devo dire che sinceramente sono spaventata, ma non eccessivamente. Mi agita molto di più vedere Gianni che mi viene a guardare continuamente, che mi chiede come ti senti? Elisa che mi domanda: mamma, ma oltre alla febbre che sintomi hai?

IO STO BENE RAGAZZI!!

Cercate di stare tranquilli, altrimenti agitate anche me. Comunque è da tempo che avrei voluto scrivere una lettera a voi tutti e, forse, questo è il momento più opportuno. Già lo sapete, ma voglio ripetervelo ora: VI AMO  TUTTI IMMENSAMENTE!

 

GIANNI e’ l’amore, il compagno, l’amico, il rompiscatole della mia vita. Sono stata così bene insieme a lui, ha saputo sopportarmi e supportarmi sempre con infinito amore che io ho ricambiato e ricambio finché avrò un attimo di vita.

LUCA, il mio figlio maggiore, un ragazzo buono, sensibile, amorevole, che a volte sembra burbero, ma che ha un cuore enorme. E’ proprio a lui che affido, oltre alla sua famiglia, anche Elisa, quando io e suo padre non ci saremo più. Vorrei tanto che andaste d’accordo, che in ogni momento della vostra vita faceste prevalere l’amore fraterno che vi lega, nonostante entrambi abbiate un carattere spigoloso.

 

ELISA, la mia eterna bambina, sembra forte, ferrea, intraprendente, ma è fragile come un fiore di campo che appassisce al primo soffio di vento. Non soffrire tesoro se io me ne andrò, pensa che questa sarà stata la volontà di Dio e che io non voglio che tu stia male. Devi farti coraggio, resistere e continuare a vivere anche per me! Mi raccomando! Il mio desiderio maggiore è che tu vada d’accordo con tuo fratello e tua cognata. Loro sono la tua famiglia e la famiglia viene prima di ogni altra cosa.

 

ADRIANA, sono ormai diversi anni che sei venuta in famiglia, all’inizio abbiamo fatto fatica a comprenderci, ma piano, piano ci siamo conosciute meglio ed abbiamo imparato a volerci bene, accettando sia i nostri pregi che i nostri difetti. Tu sei giovane, eppure sei stata capace di insegnarmi tante cose. Con te ho capito anche qual’ è la mia “pietra d’inciampo” e spero di riuscire a rimediare alle mie debolezze. Ti voglio bene e so che anche tu ne vuoi a me: Sii sempre felice insieme al mio Luca!

 

SOFIA, la gioia della mia vita, non so se tu sarai capace di comprendere fino in fondo quello che in questo momento di dirò, ma la nonna ti ama più di ogni altra cosa al mondo e nonostante tu sia la più piccolina della famiglia, sei molto intelligente, riesci a comprendere sempre anche le sfumature della voce di chi ti parla. Ora ti voglio dire che la nonna conta proprio su di te affinché tu sia l’anello di congiunzione tra tutti i membri della famiglia. Devi volere bene a tutti quanti e il tuo affetto deve fare da collante fra tutti. Non piangere, tu sai che la nonna starà solo dormendo e se ascolterai con attenzione, mi troverai sempre nel tuo cuoricino, pronta per fare un cartellone oppure una partita a UNO, oppure ballare e ascoltare la musica. Spero che potremo ritrovarci nel mondo che Dio/Geova sta preparando per le persone buone, noi però dobbiamo fare del nostro meglio per meritarlo. Ti amo bambina, ricordati qualche volta della tua nonnina e sappi che io sarò sempre accanto a te!

 

 

Moglie/Mamma/Nonna Matilde

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *