Mese Mariano: 3 Maggio 2021

1

 

 

 

 

 

2

 

 

 

 

 

 

3 – MARIA CI HA DONATO IL SANGUE DI CRISTO
«II Re di gloria immerse la propria porpora nella tintura del sangue di Maria e la rese misteriosamente scarlatta». Liturgia Orientale
Il pensiero corre subito al bellissimo inno eucaristico di S. Tommaso d’Aquino: Pange lingua… dove si canta che il Corpo ed il Sangue di Cristo, nati da Maria Vergine, da Lei ci sono stati donati. È missione della Vergine donare alle anime lo stesso Sangue che ella donò al suo Figlio dilettissimo, affinchè potesse versarlo per la nostra Redenzione. Nell’immensa sua Sapienza e nell’immenso suo Amore, Dio stabilì che il Mistero di Cristo dovesse realizzarsi solo dopo il libero si di Maria, sicché quel fiat, umile e sottomesso, è immenso come quello della creazione!
È bellissima la preghiera di S. Ildefonso: «Ti prego, ti prego, o Vergine Santa, che io abbia da te il Corpo e il Sangue di quello stesso Gesù, come tu l’hai avuto in dono e generato per opera dello Spirito Santo». E il grande innamorato di Maria, il dolce S. Bernardo, così prega: «Rispondi presto, o Vergine, pronuncia la parola che Cielo e terra aspettano: ecco, sta nelle tue mani il Prezzo del nostro riscatto».
Maria, dando a Gesù la carne ed il sangue, gli comunica anche la «necessità di morire» per noi; mettendolo al mondo lo incammina per la via che dovrà condurlo al Calvario. La morte di croce è dunque, fin da quel sí, già nella carne di Gesù, perchè il Calvario è la pienezza di Betlem. Ce lo ribadisce anche la Liturgia nel prefazio della Vergine: «Dio, per mezzo di Maria, ci donò il Salvatore, che, col suo Sangue, avrebbe redento il mondo». È Dio che ci dona il Sangue Prezioso del suo Unigenito, servendosi però del corpo verginale di Maria: perciò il Sangue di Cristo è veramente Sangue Divino e Sangue Umano. S. Efrem, il Siro, così afferma: «Maria è la sorgente dalla quale sgorga l’acqua viva, il Sangue che ha dissetato il mondo!».
Il dono di Maria non è soltanto il dono del Sangue di Gesù nel suo senso fisico, perché tutta la sua vita fu votata a ripeterci in continuazione questo dono di redenzione e di santificazione. Nella presentazione al Tempio le viene chiesto l’atto eroico di sacrificare Gesù per l’umanità ed ella sa che l’offerta di Gesù al Padre è in vista del sacrificio della croce. Per tutti gli anni della vita nascosta nella Casa di Nazareth, anni che a volte sì descrivono solo poeticamente, quella spada continua a trafiggere il suo cuore, perché Maria vede certamente in Gesù fanciullo, giovane, adulto, sempre l’Uomo del dolore. È inoltre da supporre che Gesù, come ne parlò poi con i discepoli, così in quegli anni abbia parlato alla Sua diletta Madre della sua Passione, sicché lei rinnovava continuamente il suo olocausto e di giorno in giorno ci donava non solo il Sangue del suo Figliolo, ma anche il sangue del suo cuore. Il Card. Suenens dice: «Voi, o Vergine, avete avuto da Dio in dono il Corpo e il Sangue di Cristo e ci donate il Corpo e il Sangue di Cristo». È questo anche il concetto di S. Gaspare, espresso con ricchezza teologica nel quadro raffigurante Gesù, che mostra e offre il Calice del suo Sangue lasciandosi sostenere dalle braccia della Madonna, la quale, a sua volta, apre dolcemente la mano materna in atto di dono e d’invito.
Eleviamo a Dio il nostro inno di grazie per questo disegno meraviglioso nel quale Maria
Vergine è stata chiamata a cooperare alla realizzazione del suo supremo atto di amore divino verso l’umanità: il dono del Sangue divino e redentore di Cristo.
Vergine santa, Gesù ci ha redenti col suo Sangue Prezioso che tu gli hai tessuto col tuo sangue purissimo: nutri la Chiesa del tuo Figlio con l’effusione della tua amorevolezza.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *