MOSTRA MONDRAGONE

Mondragone. Grande fermento nella S.M. Statale ” Buonarroti- Vinci”, guidata dal Dirigente Scolastico Dott. Diamante Marotta, per l’allestimento della Mostra dal titolo ” Materia, Forma, Colore”, che sara’ inaugurata il 15 dicembre 2023 alle ore 12.00 presso la sede di via Como.

> >  L’iniziativa rappresenta un altro eccellente tassello  che la scuola diretta da Diamante Marotta  realizza nell’ambito  del progetto ” Scuola Viva Campania”.

> > La mostra sarà aperta al territorio, agli alunni e alle loro famiglie, dal 15 dicembre 2023  al 15 gennaio 2024, per favorire il processo di socializzazione e la creazione di spazi di aggregazione locale. L’intera manifestazione  sara’ allietata dalla musica dell’Orchestra Buonarroti- Vinci , composta da alunni dell’indirizzo musicale. Ad esporre saranno gli Artisti Elena Dell’Andrea, Rocco Sciaudone, Alessio Scotti, Docenti di Arte-Immagine nelle scuole del territorio , ovvero Mondragone, Carinola e Cellole, ed attivi  nel panorama artistico nazionale ed internaziona ” “L’allestimento di questa mostra – ha dichiarato il Dirigente Scolastico Diamante Marotta.- rappresenta per noi un motivo di profondo orgoglio.L’arte da sempre costituisce un  momento di aggregazione e di crescita culturale e  favorisce le basi per il dialogo e  per la pace. Abbiamo voluto   che Artisti, di caratura nazionale ed internazionale, esponessero  le opere per la prima volta in una scuola, a diretto contatto con i ragazzi, per favorire la diffusione dell’arte contemporanea e la crescita culturale dei discenti. Educare all’arte  significa condurre i bambini e i ragazzi verso esperienze conoscitive di fascinazione  e  stupore.È proprio questo sforzo di entrare in contatto con l’altro e con l’arte che permette di vivere il sentimento della scoperta, che rappresenta un ‘emozione bellissima”.

  

> > > La Mostra “Materia, Forma, Colore”

> > Si tratta di diverse opere artistiche che vanno a costruire momenti di riflessione e meditazione su tematiche sociali, utilizzando gli strumenti e il linguaggio dell’arte contemporanea, cioè materia, forma e colore, non strettamente vincolate a canoni classici. Tali opere prediligono l’aspetto dialogico con il pubblico e la democratizzazione dell’arte, seguendo il concetto di scultura sociale, dove la comunicazione e il dibattito costituiscono uno strumento per attivare la conoscenza e la crescita personale degli individui.

> > Ecco gli autori:

> > >Elena Dell’Andrea, docente di sostegno alla Buonarroti di Mondragone, abilitata in Arte Immagine, nelle sue opere indaga il mondo femminile. Nell’opera Velo S-velo, attraverso sottili ghirigori di parole, recupera la scrittura per descrivere la condizione della donna e porsi interrogativi, anche sulle recenti vicende di attualità. Nella Città dei bugiardini riflette sulla fuga da città malate ed in fiamme. Nella serie Costellazioni, attraverso il ricamo, attività tradizionalmente femminile, rivolge la speranza di miglioramento verso il cielo e verso il futuro. 

> > >    Rocco Sciaudone, docente di Arte Immagine presso l’IC Carinola-Falciano, espone opere scenografiche, legate ad una quotidianità ormai scomparsa e trasformata dalle nuove tecnologie. In particolare la rappresentazione dei Telefoni attiva nello spettatore un senso critico, attraverso il confronto con gli attuali smartphone. La sedia rappresenta l’attesa e la staticità della vita. La bicicletta, invece, il succedersi circolare degli eventi. 

> > >    Alessio Scotti, docente di Arte Immagine presso l’IC Serao-Fermi di Cellole, scultore, con la sua opera in ferro, rappresenta se stesso, ma anche ognuno di noi. Le catene e le tenaglie rappresentano le paure e le gabbie, i blocchi mentali che noi stessi ci costruiamo. Il titolo Liberati evidenzia l’attesa di un aiuto, la liberazione da queste catene.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *