NAPOLI – Ancora una brillante operazione condotta dalla Compagnia di Napoli Poggioreale “Nucleo Operativo” in collaborazione con le Guardie Zoofile dell’E.M.P.A.

E.M.P.A.
ENTE MEDITERRANEO PROTEZIONE ANIMALI
Croce d’oro
SEZIONE DI NAPOLI

Nella giornata del 17 Ottobre i Carabinieri e le Guardie Giurate Zoofile, dell’ E.M.P.A (Ente Mediterraneo Protezione Animali) in un mirato ed attento pattugliamento, atto proprio a contrastare i reati verso gli animali, nel transitare in alcune zone di Napoli, particolarmente dedite al mercato illegale di fringillidi notavano una persona in un garage maneggiare alcune gabbie.
I Carabinieri e le Guardie Zoofile, incuriositi di tanto movimento si avvicinano al luogo e notavano che all’interno del garage oramai adibito a rifugio, vi erano accatastate vicino alle pareti numerose gabbie, con all’interno numerosi esemplari di Cardellini (Carduelis carduelis), specie altamente protetta, la cui detenzione, e vendita sono punite in maniera esemplare.
Il soggetto alla vista degli agenti non ha opposto resistenza ed ha fornito immediatamente tutte le sue generalità, si presume che lo stesso esercitava un commerci abusivo di animali, dopo un controllo approfondito risultavano appena catturati, visto i movimenti repentini che facevano nella gabbie, movimenti quasi ad indicare uno stato di agitazione.
Il Garage dove erano accatastate le gabbie inoltre, non era di certo un luogo ideo alla detenzione di tali animali, in quanto luogo buio e abbandonato, infatti l’uomo lo utilizzava al solo scopo di deposito.
Gli agenti hanno provveduto subito al sequestro degli animali che ammontavano a circa 180 esemplari per poi liberarli in luogo idoneo, in modo da ritornare a vivere in libertà, e a denunciare alla Procura Della Repubblica di Napoli. M. C. di 56 anni, originario di Napoli per detenzione e vendita di animali protetti.
Le Guardie ricordano che il prezzo di un esemplare con piumaggio, e canto particolare sprezzati può valere migliaia di euro, anche la sola detenzione di uno di questi Fringillidi è illegale e passibile di denuncia alla Procura della Repubblica Italiana.

Le Guardie dell’ E.M.P.A. di Napoli ringraziano la Compagnia di Napoli Poggioreale “Nucleo Operativo” per la sempre fattiva, attiva e celere collaborazione nel contrastare i reati che riguardano gli animali.

I carabinieri di Afragola nel effettuare una perquisizione in via Caracciolo in Afragola anno notato in un charace la presenza di moltissimi animali, non vento competenze in materia anno chiesto ausilio alle guardie Zoofile E.M.P.A. (Ente Mediterraneo Protezione Animali) giunto sul posto rinvenivano, polli, conigli, galline, quaglie, è animali protetti (cardellini) inoltre erano 12 cani di razza chiwawa visto lo stato che erano detenuti gli animali, senza nessuna autorizzazione dall’ Sanitaria e di detenzione di animali, si chiedeva anche la presenza dei veterinari del’ASL di Napoli 2 Nord giunto sul posto dopo tutti gli accertamenti del caso il personale ASL metteva sotto sequestro tutti gli animali sopra menzionati, escluso i cardellini trattasi di animali protetti è tutelati dalla legge 157/92
Gli animali sono stati rinvenuti in un palese stato di degrado e sudiciume all’interno dei predetti ricoveri, realizzati con materiali di risulta, non facilmente lavabili e/o disinfettabili, In tutta l’area prospiciente i ricoveri degli animali la P.G. operante ha constatato che vi era un odore nauseabondo derivante dai materiali organici in decomposizione tanto che l’intera zona era completamente infestata da mosche, in violazione delle più elementari norme di igiene pubblica.
Dopo tutto gli atti di rito gli animali sono stati affidati a persone con tutti i requisiti di detenere gli animali, il

Ormai il commercio abusivo dei cardellini (Carduelis carduelis) à una risorsa economica visto che i due denunciati non è la prima volta che vengono denunciati, sempre per specifici reati. Domenica 30 Agosto i carabinieri della compagnia Napoli Poggereale Nucleo Operativo, unitamente alle guardie Zoofile E.M.P.A. (Ente Mediterraneo Protezione Animali) si sono portati nel noto mercato abusivo di animali di via Gianturco, Napoli, non appena i carabinieri e le guardie E.M.P.A hanno fatto irruzione nel mercato c’è stato un fuggi fuggi generale degli uccellatori la maggior parte dei quali prima di fuggire ha aperto i ricevitori dove erano ammassati centinaia di cardellini che hanno preso il volo. Due i bracconieri fermati e denunciati, M.P. e R.G., per reati previsti dalla legge 157/92 (detenzione e commercio di fauna protetta).e maltrattamento legge 189, dopo tutti gli atti di rito la fauna veniva liberata ai sensi del art. 28 della legge 157/92, nel Bosco di Capodimonte a Napoli tra i numerosi bambini in festa che aprivano le gabbie.
Tutti gli animali riferisce il Capo Nucleo delle guardie zoofile EMPA SALZANO Giuseppe, di specie selvatiche, infatti, sono qualificati dalla legge come beni appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato, per cui il loro impossessamento costituisce reato. Il cardellino, in particolare, gode di una maggiore tutela da parte della normativa internazionale e statale anche dal punto di vista sanzionatorio penale, perché a causa del suo splendido piumaggio e del suo melodioso canto, viene catturato abusivamente con reti e trappole (uccellagione) in maniera così massiccia da metterne in pericolo la sopravvivenza allo stato naturale. L’uccellagione è purtroppo una pratica diffusissima in tutta Italia ed anche in Campania è assiduamente praticata. I cardellini così sottratti al loro naturale stato di libertà mediante tali delittuose azioni, vengono venduti clandestinamente nei mercati e nelle uccellerei ed anche a singoli ‘allevatori’ di avifauna a scopo cosiddetto ‘amatoriale’, disposti a spendere cifre sostanziose per esemplari selvatici. E’ noto che tutto questo produce un giro d’affari di notevoli dimensioni: un “buon esemplare” di cardellino adulto può arrivare a costare anche centinaia di euro.

L’ E.M.PA di Napoli esprime vivo apprezzamento per l’ottima azione della Compagnia Napoli Poggereale Nucleo Operativo carabinieri, cui uomini si sono prodigati non poco per salvare questi animali ed affermare la legalità.

4

?

?

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *