Napoli Uniti per contrastare il trasferimento della Biblioteca nazionale “Vittorio Emanuele III”


Il 17 giugno, l’agenzia stampa ha chiesto formalmente di fermare il progetto di trasferimento della Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III di Napoli da Palazzo Reale all’ex Real Albergo dei Poveri a Palazzo Fuga. Spostare la Nazionale appare un vero azzardo: la Vittorio Emanuele III ospita circa due milioni di volumi tra cui cinquemila incunaboli, quarantamila cinquecentine, trentamila manoscritti, l’intero corpus autografo delle opere di Giacomo Leopardi, tanti autografi, il fondo Lucchesi Palli, i preziosi codici miniati medioevali, il Dioscoride Napoletano, i manoscritti copti del V e VI secolo d.C., i 1800 papiri ercolanesi del III secolo a.C. …

Altre associazioni, gruppi e movimenti hanno seguito l’appello e ne siamo felici per Napoli, per la Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III e per il buon senso.

Giovanni Vicini

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *