“No” al Biodigestore di Alife, il sostegno di Sel. L’Onorevole Scotto scrive al Ministro dell’Ambiente Galletti

A sostenere le ragioni del “No”, che continuano con forza a sostenere i componenti del Comitato Cittadino per la Tutela della Salute e dell’Ambiente, anche il capogruppo alla Camera di Sinistra Ecologia e Libertà on. Arturo Scotto. In merito alla costruzione, nella zona ASI di Alife (CE), di un impianto per il trattamento di FORSU (Frazione organica rifiuti solidi urbani) e rifiuti speciali non pericolosi da cui ricavare biogas e digestato, l’onorevole Scotto ha inviato una lettera di riscontro, dopo aver esaminato il caso, al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti.

La realizzazione di un impianto di trattamenti di rifiuti alle porte del Parco Regionale del Matese in piena area naturale protetta, dalla potenzialità complessiva di 75.000 tonnellate annue per il trattamento, mediante Digestione Anaerobica e Digestione Aerobica di Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani (FORSU) per 30000 t/anno, scarti di lavorazione di origine agroindustriale per 13 t/anno, fanghi da depurazione per 14 t/anno e sostanza organica ligneo per 18 t/anno, ci si trova di fronte non al progetto di un piccolo sito di compostaggio negli interessi delle popolazioni della zona interessata, bensì al progetto per una vera e propria centrale elettrica a biogas da 1 Megawatt.

“Come Circolo intercomunale Sel Matese consideriamo – afferma Marcello Ciallella, rappresentante Sel Area Matese-Caiatino – che la realizzazione di questo impianto causi degli effetti disastrosi per il nostro territorio che fonda il proprio sviluppo economico, culturale e sociale sull’agricoltura e sull’ambiente. Sosteniamo – continua Ciallella- che la centrale biogas causi non solo inquinamento atmosferico ma anche sottrazioni del suolo (estensione dell’impianto 70.000 mq), inquinamento delle falde acquifere, danneggiamento del paesaggio naturalistico con conseguenze sui settori agricoli e turistici ed infine rischi accertati per la salute umana”.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *