Palermo: il 16 maggio Unci e Anm ricorderanno il sindacalista socialista ucciso dalla mafia nel 1955

Sarà presente il segretario della Cgil, Susanna Camusso. AL GIARDINO DELLA MEMORIA SARA' PIANTATO UN ALBERO PER SALVATORE CARNEVALE.

Il prossimo 16 maggio cronisti e magistrati si ritroveranno al Giardino della Memoria di Ciaculli per un evento organizzato da Unci e Anm. Sarà ricordato il sindacalista Salvatore Carnevale ucciso dalla mafia del 1955 e sarà piantato un albero a suo nome alla presenza dei familiari. All’evento parteciperanno tra gli altri, il segretario nazionale della Cgil, Susanna Camusso, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il prefetto del capoluogo isolano Antonella De Miro ed i vertici regionali e provinciali della Cgil. Per l’Unci interverranno il Vice-Presidente nazionale, Leone Zingales, ed il presidente del Gruppo siciliano, Andrea Tuttoilmondo, mentre per la sezione distrettuale dell’Anm, parteciperà il presidente Matteo Frasca.  L’appuntamento è fissato per le ore 9.00. Il giornalista Dino Paternostro illustrerà la storia del sindacalista ucciso dai mafiosi. “Il Giardino di Ciaculli si arricchirà di un nuovo albero che sarà dedicato a Salvatore Carnevale – ha dichiarato il Vice-Presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales – un sindacalista che credeva nella legalità fatta di atti concreti e non di vuote ed inutili parole. Ringraziamo il segretario nazionale della Cgil, Susanna Camusso, che ha mantenuto la parola. Lo scorso anno, nel corso di una velocissima visita privata, ci aveva detto che sarebbe ritornata a Ciaculli. Ciò avverrà il prossimo 16 maggio nel ricordo del mai dimenticato Salvatore Carnevale”.  Salvatore “Turiddu” Carnevale è nato a Galati Mamertino (Messina) il  23 settembre 1923 ed è stato ucciso a 31 anni mentre si recava a lavorare in una cava di pietra a Sciara (Palermo). I sicari lo hanno assassinato, all’alba del 16 maggio 1955, mentre percorreva una mulattiera della contrada Cozzi secchi. (UNCI)

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *