Presentazione del libro “La signora Spitocchia” di Antonio Tedesco

MADDALONI (Caserta) – Domenica 29 maggio, alle ore 18.00, presso il Convitto Nazionale “Giordano Bruno”, grazie al Lions Club International, sarà presentato il libro “La signora Spitocchia” di Antonio Tedesco, edito dal Gruppo Albatros – il filo. A presentare il libro sarà Andrea De Filippo (Sindaco di Maddaloni) e amico di vecchia data dell’autore.

Il libro è già in libreria dal mese di febbraio e sta riscuotendo un ottimo riscontro di pubblico e di critica, tra l’atro è stato presente anche alla fiera Internazionale del Libro di Torino che si è tenuta dal 19 al 23 maggio scorso. La signora Spitocchia in pochi mesi è diventata un vero e proprio personaggio e tutti ne vogliono parlare. La vicenda si svolge nel villaggio di Megghol Wilk, dove sembra che la pace regni sovrana, ma tutto è destinato a cambiare, con l’arrivo della signora Spitocchia, detta anche miss tempesta, un personaggio strano con molte sfaccettature e soprattutto con un egocentrismo da far paura. Fulmini, saette, venti e pioggia si abbatteranno sul villaggio e metteranno sottosopra ogni cosa, soprattutto nuove regole sconvolgeranno l’antica armonia. Nuovi intrighi e nuove alleanze, si formeranno affinché ogni cambiamento seppur avvenga, rimanga uguale a se stesso. Dunque si tratta di una fiaba dal sapore antico in cui si susseguono fatti e misfatti che normalmente avvengono nella vita di tutti i giorni, ovviamente il tutto senza scomodare la nostra vita quotidiana.

La signora Spitocchia con il suo caratteraccio e i suoi modi di fare al quanto surreali e incomprensibili è stata paragonata ad una Mery Poppins al contrario, altri ancora l’hanno paragonata a Crudelia Demon, oppure alla signora Trinciabue nel romanzo Matilde, di Roald Dahl. Nel suo insieme la fiaba è stata assimilata al “Signore degli anelli” o “Harry Potter” per le sue ambientazioni, mentre riferimenti più contenutistici sono stati riferiti all’opera teatrale “La peste” in “Lo Stato d’assedio” di Albert Camus del 1948, in cui nonostante il dramma della paura attuato dai regimi totalitari, l’opera ha dei risvolti tragicomici in cui i personaggi appaiono esagerati e grotteschi, dove l’autore affronta in modo esplicito i temi della resistenza e dell’uguaglianza sociale, contro ogni forma di sottomissione, rassegnazione, passività e contro lo scendere a patti con il tiranno di turno.

Dunque, “La signora Spitocchia” pubblicata dal Gruppo Albatros – il filo nella sezione Fabulae – Nuove Voci, con una interessante prefazione di Barbara Alberti, sta avendo un buon riscontro di pubblico e di critica grazie anche ai vari articoli e diverse interviste che in questi primi mesi si sono succedute su diversi giornali e reti televisive e social, partecipando a trasmissioni come, Se scrivendo, Dieci libri, Conoscere TV e altre andate in onda su canali Sky, ricevendo tra l’altro migliaia di visualizzazioni. Il libro lo si può trovare in libreria e sui maggiori store on line.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *