Quattro cacciatori di frodo nei guai nel Casertano

Sorpresi dai Carabinieri Forestali della Stazione di Pozzuoli e dalle Guardie Venatorie della LIPU durante le programmate attività di contrasto al bracconaggio nel Napoletano.

Quattro bracconieri sono stati sorpresi alle prime luci dell’alba a ridosso dell’Oasi delle Soglietelle tra Lago Patria e Villa Literno mentre erano a caccia di Germani reali, Fischioni ed Alzavole: fantastiche anatre selvatiche che popolano le nostre coste ed approfittano dei nostri laghetti ed acquitrini per sostare e rifocillarsi.

I 4 bracconieri erano accuratamente appostati ed avevano attrezzato una vera ed ingannevole trappola mortale per gli ignari animali del cielo: due sofisticatissimi richiami elettromagnetici, che riproducevano il verso delle anatre, erano attivate ma, ad essere attratti dalla trappola sono stati prima i Carabinieri e le Guardie Lipu che hanno “braccato” i 4 malintenzionati prima che aprissero la batteria di fuoco.

I quattro bracconieri sono stati denunciati ….

Caduti sotto sequestro i loro quattro fucili, insieme ai due richiami elettromagnetici e ben 160 cartucce e deferiti alla Procura della Repubblica del Tribunale di Napoli Nord.

“Una vera e propria strage annunciata è stata evitata grazie alla sinergia operativa fra i Carabinieri Forestali e le nostre Guardie volontarie Venatorie– afferma Fabio Procaccini, Delegato Provinciale della LIPU di Napoli – Quella di stamattina è stata una vera vittoria dedicata alla vita. Non sempre si riesce a reprimere il reato sul nascere, a volte si arriva troppo tardi. Un ringraziamento di cuore a tutti i Carabinieri Forestale in particolare alla Stazione di Pozzuoli Comandata del Mar. LUISE ed alle nostre Guardie, coordinante sul campo dal Cav. Giuseppe Salzano, che con enorme dedizione, sacrificio e generosità combattono i bracconieri e che riescono sempre a trovare sinergia, tempo e risorse da destinare queste infinita lotta per la legalità e per la vita”

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *