Questione Cub, Tamburrino rasserena i lavoratori ma tuona: è grave che ci sia qualcuno che speculi sui problemi delle maestranze

COMUNE DI VILLA LITERNO

 

«Abbiamo toccato il fondo se si arriva a speculare anche su una situazione difficile come quella dei lavoratori del Cub. La protesta di questa mattina è nata da un malinteso che, evidentemente, qualcuno ha voluto far nascere ad arte solo perché siamo in campagna elettorale». Durissime le parole del sindaco di Villa Literno Nicola Tamburrino dopo l’incontro avuto con i lavoratori del Cub che, questa mattina, hanno minacciato di lanciarsi dal tetto del Comune. «Sono felice che con i lavoratori è stato tutto chiarito – ha sottolineato Tamburrino – capisco il loro momento di difficoltà, dal momento che, da mesi, non percepiscono lo stipendio. Mi rattrista sapere che ci possa essere qualcuno che fa leva su tale situazione per creare dei problemi. Come amministrazione conosciamo benissimo qual è la situazione ed è per questo che, da tempo, abbiamo attivato le procedure per risolvere il problema. Come Comune, il nostro interlocutore è il Cub e non i lavoratori. Abbiamo raggiunto un accordo con il commissario liquidatore per versare al consorzio le nostre quote. Abbiamo, inoltre, avviato un’interlocuzione con la Regione Campania per pianificare il futuro delle maestranze».

 

 

Villa Literno, 31 maggio 2016

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *