Regione Campania. Il Tribunale accoglie il ricorso: De Luca non è più sospeso, via libera alla giunta

Dal Tribunale congelato il provvedimento in attesa della decisione di merito. Gli avvocati di De Luca attaccano il governo: provvedimento abnorme

NAPOLI – Vincenzo De Luca puó entrare a Palazzo Santa Lucia. Il Tribunale di Napoli, accogliendo in pieno la richiesta dei legali del governatore, ha disposto la sospensiva della sospensione, che venerdì scorso era stata firmata dal governo nei confronti di De Luca per effetto della legge Severino. A questo punto il presidente della Regione potrà dunque partecipare al primo Consiglio, nominare la giunta e firmare gli atti.

La sospensiva della sospensione, ottenuta nei giorni scorsi anche dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris, è stata disposta con decreto presidenziale dal presidente della prima sezione civile del Tribunale Guglielmo Cioffi in attesa che la Corte Costituzionale si esprima (il 17 ottobre) sulla legge Severino, che per molti giuristi presenta profili di incostituzionalità.

E’ la svolta tanto attesa dal neogovernatore, che mette fine a un vuoto di potere e a uno stallo istituzionale che avevano spinto le opposizioni a chiedere il commissariamento o il ritorno al voto. Via libera, allora, alla prima seduta del Consiglio,che si terrà la prossima settimana. Si procederà alla presa d’atto della proclamazione degli eletti e all’elezione del presidente del Consiglio regionale e dell’ufficio di presidenza. Poi De Luca esporrà il programma. Subito dopo la fine della prima seduta, quasi certamente il presidente della Regione nominerà la giunta e il vice.

«Estremamente soddisfatto» l’avvocato Lorenzo Lentini, che con Giuseppe Abbamonte e Antonio Brancaccio fa parte del pool difensivo di De Luca: «Sono molto soddisfatto sia per il risultato sia per i tempi della giustizia civile – sottolinea Lentini – Sono state ripristinate le condizioni democratiche e l’espressione della volontà popolare nella regione Campania, oltre che messi in rilievo i profili di illegittimità costituzionale della legge Severino».

Nel ricorso i legali del governatore lanciano bordate contro il governo: la sospensione dalla carica di De Luca, disposta con immediatezza, contro il parere dell’Avvocatura generale dello Stato, prima dell’insediamento del Consiglio, «si traduce in un impedimento permanente del funzionamento della Regione Campania» sostengono i legali, che parlano di «disinvolto decreto del presidente del Consiglio dei ministri» con «effetti dissolutori, discredito di organi costituzionali e condizione di pericolo destabilizzante».

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *