Retrospettiva Henri Cartier-Bresson

Dal 26 settembre, e fino al 25 gennaio, in mostra all’Ara Pacis di Roma la retrospettiva Henri Cartier-Bresson, a cura di Clément Chéroux. A dieci anni dalla morte del fotografo francese, tra i fondatori dell’agenzia Magnum, l’esposizione è realizzata dal Centre Pompidou di Parigi in collaborazione con la Fondazione Henri Cartier-Bresson, promossa da Roma Capitale Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e prodotta da Contrasto e Zètema Progetto Cultura. La mostra propone una nuova lettura della grande produzione di Cartier-Bresson, coprendo tutta la vita professionale del fotografo. Oltre 500 le opere esposte, tra fotografie, disegni, dipinti, film e documenti: delle quali 350 sono stampe d’epoca; cento documenti tra quotidiani, ritagli di giornali, riviste, libri manoscritti, film, dipinti e disegni. Dal Surrealismo alla Guerra Fredda, dalla seconda guerra mondiale alla decolonizzazione, ecco il mondo visto dall’occhio del secolo
Henri Cartier-Bresson, New York (dettaglio), 1935