Rifiuti e politiche sociali, no di Enrico Tresca alle aziende speciali .«Proposta vecchia e inattuabile, i problemi non si risolvono con gli slogan».

BY GIOVANNA PAOLINO

Nei giorni scorsi la proposta di Carlo Marino, candidato alle primarie del Pd ,di istituire una Azienda Speciale per i Rifiuti e una Azienda Speciale per le Politiche Sociali. Non si e’ fatta attendere la risposta di Enrico Tresca, candidato alle primarie del Pd per l’area Rifare l’Italia, il quale definisce la proposta di Carlo Marino ” vecchia e inattuabile , uno slogan elettorale piu’ che la risoluzione di un problema”. Enrico Tresca rivendica al Pd , di cui anche Carlo Marino e’ esponente, la bocciatura di questa proposta gia’ presentata dalla disciolta giunta Del Gaudio, con l’Assessore alle Politiche Sociali Enzo Ferraro, e che fu fortemente osteggiata dalla opposizione consiliare.

«La proposta di istituire aziende speciali per gestire il ciclo dei rifiuti e le politiche sociali sa tanto di colpo ad effetto», dice Enrico Tresca, candidato sindaco alle Primarie del Partito Democratico previste per il prossimo 6 marzo. «Il progetto, già proposto dalla vecchia amministrazione di centrodestra, è già stato ritenuto inattuabile dagli esperti tecnico-contabili e bocciato politicamente da me e dai miei colleghi del Partito Democratico in consiglio comunale».

«L’affidamento ad aziende speciali di servizi importanti come le politiche sociali e la gestione rifiuti – continua Tresca – avrebbe per il Comune costi esorbitanti a fronte di vantaggi pari a zero per la collettività. Non ho cambiato idea sull’argomento nel giro di pochi mesi e mi batterò contro la realizzazione di proposte del genere».

«Il campo della competizione elettorale in vista delle primarie va immediatamente sgomberato da proposte sbagliate, – continua il candidato sindaco alle primarie del Pd del prossimo 6 marzo – perché la questione va affrontata con soluzioni applicabili e non con slogan. Noi governeremo la città in modo diverso, confrontandoci con i migliori esperti di vari settori così come stiamo già facendo in sede di elaborazione del programma per ricostruire Caserta». I cittadini – conclude Enrico Tresca – hanno bisogno di ascoltare proposte concrete che nascono dalle loro necessità e formulate nell’esclusivo interesse della città».

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *