Sabato Santo : Napoli la “Regina Elena” dona materiale e cioccolata agli ospiti della Casa di accoglienza liberi di volare.

L’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus, ha voluto essere vicina ai bambini e agli anziani d’Italia, in occasione della Pasqua, attraverso il dono di dolci, viveri, libri e giocatoli a famiglie disagiate, asili, nidi, scuole, case di riposo, case famiglia, strutture per handicappati, bambini ed anziani ricoverati. Ma anche agli Istituti religiosi ed alle opere a favore dei carcerati ed ex carcerati in questo Anno giubilare della Misericordia.

Il Delegato, Comm. Rodolfo Armenio, accompagnato dall’Uff. Mario Franco  ha reso visita all’Associazione “Liberi di Volare Onlus” nel centro storico di Napoli.

Un atto di vicinanza per chi vive nel bisogno. Aiuta chi la riceve ma anche chi la dona. E’ un’occasione per aprirsi agli altri, a quelli che si trovano in uno stato di difficoltà ed hanno bisogno.

Un aiuto concreto di solidarietà si può realizzare contribuendo fattivamente all’attività di “Liberi di Volare Onlus”

Tante piccole gocce per dare sollievo alla sofferenza. In questo spirito la delegazione,  ha consegnato alla casa di accoglienza Liberi di Volare,  rasoi, spazzolini e dentifrici e uova di cioccolata per gli ospiti.

L’Associazione Internazionale Regina Elena, giunta al 31^ anno di attività a livello internazionale, sodalizio totalmente apolitico e apartitico presente in 56 Paesi, presieduto da S.A.R. il Principe Sergio di Jugoslavia, nipote di Re Umberto II. Il suo scopo è operare attraverso iniziative caritative, spirituali e culturali, sull’esempio di Elena del Montenegro, ultima Regina a ricevere la “Rosa d’oro della Cristianità” (nel 1937 da Papa Pio XI) e definita “Regina della Carità”. La delegazione italiana è presieduta dal Gr. Uff.. Ilario Bortolan.

Comm. Rodolfo Armenio

348 5183624

Nella foto la cappella della casa di accoglienza dove si riuniscono gli ospiti ex carcerati per pregare e condividere le preghiera.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *