“Scuola Viva”, l’IC Vanvitelli ha illustrato il Bilancio Sociale del progetto

Il Dirigente Marro ha discusso di risorse, metodologie, percorsi e risultati

 2

 

Si è svolta nella mattinata di venerdì 28 luglio la conferenza stampa di presentazione del Bilancio Sociale del progetto “Scuola Viva – La mia scuola a regola d’arte” presso l’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo “Luigi Vanvitelli” di Airola. I lavori sono stati introdotti da Mario Tirino, esperto di Comunicazione, Marketing e Pubblicità di “Scuola Viva”, che ha evidenziato la novità assoluta costituita dalla presentazione pubblica del Bilancio Sociale dell’iniziativa. Il Bilancio Sociale, infatti, è un documento di comunicazione, distribuito a tutti i presenti, attraverso il quale la Scuola manifesta l’intenzione di aprirsi alla trasparenza e al dialogo con il territorio, divulgando l’esito del progetto “Scuola Viva” e contestualmente invitando enti, associazioni, cittadini a confrontarsi collettivamente sull’efficacia e sull’efficienza delle azioni intraprese.

A prendere la parola, quindi, è stato il Dirigente Scolastico Giovanni Marro, il quale ha in prima battuto inteso ringraziare tutti i soggetti che hanno contribuito al conseguimento degli obiettivi stabiliti da “Scuola Viva”: il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi, il personale ATA, i docenti coinvolti direttamente e indirettamente nel progetto, la responsabile del progetto Gabriella Maltese, gli studenti e le loro famiglie, gli esperti esterni, le associazioni partner (Associazione San Giovanni Battista e Associazione Maleventum) e le Amministrazioni di Airola, Arpaia e Paolisi (i tre Comuni su cui insiste l’Istituto Comprensivo).

Il Dirigente ha quindi illustrato nel dettaglio il progetto.

Obiettivi. “Scuola Viva – La mia scuola a regola d’arte” ha organizzato iniziative per combattere l’abbandono e l’insuccesso scolastico e favorire processi di inclusione di alunni svantaggiati, nell’ottica di promuovere la multiculturalità e l’integrazione socioculturale. Per raggiungere questi obiettivi, il progetto ha previsto quattro moduli laboratoriali, dedicati rispettivamente a teatro, musica, scenografia ed educazione alle tecnologie informatiche: “Insieme in scena”, “Musica e strumenti dal mondo”, “La creatività va in scena” e “Usi…amo le tecnologie”.

Numeri. Il progetto ha coinvolto ufficialmente 120 alu nni, divisi tra le classi IV e V della Scuola Primaria e le classi I e II della Secondaria di primo grado. Ciascun modulo ha previsto 60 ore di

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *