SHOAH IL GIORNO DELLA MEMORIA

UNA TERRIBILE PAGINA DI STORIA!

“È AVVENUTO, QUINDI PUÒ ACCADERE DI NUOVO:
QUESTO È IL NOCCIOLO DI QUANTO ABBIAMO DA DIRE”

(Primo Levi – I sommersi e i salvati)


ll 27 gennaio 1945 l’Armata Rossa libera il campo di concentramento nazista di Auschwitz. Ricollegandosi a quella data, il 27 gennaio di ogni anno (a partire dal 2000 in Italia e dal 2005 a livello mondiale) si celebra il ‘Giorno della Memoria’, per non dimenticare cosa sia stata la Shoah e i milioni di vittime che produsse. Rai Cultura ha realizzato un esclusivo Web-Doc, per conoscere e comprendere la tragedia della Shoah. I materiali, organizzati in sette sezioni tematiche, provengono dall’archivio storico della Rai e dagli approfondimenti più recenti prodotti da Rai Cultura. Accanto alle immagini che documentano quanto avvenuto si possono ascoltare le testimonianze dei sopravvissuti e i commenti degli storici. Una infografiche, una fotogallery, una bibliografia e una filmografia essenziale, sono a disposizione di coloro che volessero approfondire ulteriormente, la conoscenza della Shoah.

GLI EVENTI

WANNSEE : LA ‘SOLUZIONE FINALE’

20 gennaio 1942: in una villa sul lago di Wannsee, presso Berlino, si incontrano 15 alti ufficiali nazisti per discutere la ‘Soluzione finale’ della questione ebraica. Il piano viene illustrato dal leader delle SS Reinhard Heydrich. Il sistematico massacro, ideato per creare un Reich libero da ebrei, prevede il trasporto in campi di concentramento e di sterminio dotati di camere a gas e di forni crematori. Sino al termine della guerra, in questi campi, saranno uccisi circa sei milioni di ebrei.
play

GUARDA IL VIDEO

HIMMLER E LA ‘SOLUZIONE FINALE’ PER I GITANI

16 dicembre 1942: Heinrich Himmler, il n.2 del regime nazista, ordina la deportazione di tutti gli zingari che vivono in Germania nel campo di sterminio di Auschwitz. Ha così inizio “la soluzione finale” del supplizio gitano. Saranno circa 600 mila gli zingari uccisi durante il nazismo.

Himmler e la ‘soluzione finale’ per i gitani

LA RIVOLTA DEL GHETTO DI VARSAVIA

19 aprile 1943: Gli ebrei del ghetto di Varsavia iniziano l’ultima disperata difesa contro la ‘soluzione finale’ che le SS stanno attuando. Sparano con armi leggere sulle truppe tedesche del comandante Sammern-Frankenegg entrate nel ghetto per deportare la popolazione. E’ la prima volta che un gruppo di ebrei si difende in modo organizzato. I tedeschi si ritirano con morti e feriti. Dopo il fallimento della prima incursione nel ghetto, il comando delle truppe tedesche passa a Jurgen Stropp. Sarà lui, dopo un mese, ad avere ragione della rivolta.

La rivolta del ghetto di Varsavia

SABATO NERO AL GHETTO DI ROMA

16 ottobre 1943: Sono le 5 e 30 di un sabato mattino quando le truppe naziste entrano a Portico d’Ottavia, nel ghetto di Roma, per condurre a termine un vasto rastrellamento. A comandarle è il tenente colonnello Kappler, che promette agli ebrei la salvezza in cambio della consegna di 50 chili d’oro. Due giorni dopo la razzia del ghetto, i tedeschi deportano ad Auschwitz i 1023 ebrei fatti prigionieri. Alla fine della guerra torneranno a casa solo 16 uomini e 1 donna. Il rastrellamento di Roma rappresenta il più grave caso di persecuzione antiebraica avvenuto in Italia a opera delle truppe tedesche di occupazione.

Sabato nero al ghetto di Roma

OLOCAUSTO: ‘LA SOLUZIONE FINALE’

Questo video, le cui immagini storiche sono sconsigliate al pubblico più sensibile, documenta gli orrori perpetrati nei campi di sterminio nazisti. Il trattamento riservato agli ebrei variava a seconda della possibilità di impiegarli come forza lavoro: i bambini, infatti, venivano uccisi subito. Nei campi, il programma di annientamento procedeva al ritmo di decine di migliaia di innocenti uccisi al giorno. Le atrocità raggiungono il culmine con le macabre operazioni compiute sui corpi dei morti, da altri ebrei che hanno salva la vita in cambio di tali manovre, e con esperimenti dal sedicente valore scientifico compiuti sui prigionieri. Il filmato ricorda inoltre il coraggioso e drammatico tentativo di rivolta del ghetto di Varsavia, che si concluse con la morte di 60.000 innocenti.

Olocausto: ‘la soluzione finale’

LA LIBERAZIONE DI AUSCHWITZ

27 gennaio 1945: I soldati dell’Armata Rossa varcano i cancelli di Auschwitz e liberano i prigionieri superstiti, sopravvissuti allo sterminio razzista. Le truppe liberatrici, entrando nel campo di Auschwitz-Birkenau, scoprono e svelano al mondo gli orrori che si sono compiuti nel cuore dell’Europa.

La liberazione Auschwitz

IL PROCESSO EICHMANN

11 aprile 1961: a Gerusalemme inizia il processo al criminale tedesco Adolf Eichmann che si conclude con la sua condanna a morte per impiccagione. È il primo processo che si svolge in Israele, alla presenza di testimoni, i sopravvissuti alla Shoah. In questa puntata de ‘Il tempo e la Storia’ ce ne parla la storica Anna Foa. Adolf Eichmann, considerato il principale responsabile e organizzatore delle deportazioni degli ebrei, dopo la guerra si era rifugiato sotto falso nome in Argentina. Durante il processo si dichiara “non colpevole” e dice di “avere solo eseguito degli ordini” ai quali non poteva sottrarsi. Sarà il suo atteggiamento ad ispirare alla politologa Hannah Arendt, inviata del “New Yorker”, la sua opera su la banalità del male.

Il processo Eichmann

GALLERIA FOTOGRAFICA

IL NAZISMO AL POTERE

Adolf Hitler con Heinrich Himmler, nel 1940. Himmler fu il principale responsabile della Shoah

REINHARD HEYDRICH

Gerarca nazista, principale organizzatore della ‘soluzione finale’, insieme al suo superiore Himmler e ad Adolf Eichmann

LA LISTA DI WANNSEE

Questa lista degli ebrei presenti nei paesi europei viene stilata alla Conferenza di Wannsee del 20 gennaio 1942, nella quale i gerarchi nazisti pianificano l’attuazione della ‘soluzione finale’

LA FERROVIA PER AUSCHWITZ

L’ingresso del più grande campo di sterminio nazista, quello di Auschwitz-Birkenau, nel sud della Polonia

LE VALIGIE DEI PRIGIONIERI

Giunti nei campi di concentramento, i prigionieri venivano subito spogliati di tutti i loro averi

EFFETTI PERSONALI

Occhiali di prigionieri deceduti nei campi. Questi, come anche altre cose, erano poi conservati meticolosamente

TATUATI

I prigionieri dei lager venivano poi marchiati con un numero di riconoscimento, come bestie. Qui, uno dei sopravvissuti mostra il suo numero

UNIFORMI E TRIANGOLI

L’uniforme dello stesso prigioniero. Il colore del triangolo indicava le rispettive categorie d’appartenenza (in questo caso, ‘prigioniero politico’)

DENUTRIZIONE

Prigionieri visitati a Buchenwald dai medici sovietici. Al momento della liberazione del campo, il peso medio dei pochi sopravvissuti risultò di appena 31 kg

BAMBINI AD AUSCHWITZ

Tra le categorie più duramente colpite dalla Shoah ci furono i più indifesi: i bambini. Pochissimi furono i sopravvissuti tra i bimbi ebrei

LA RIVOLTA DEL GHETTO DI VARSAVIA

Il più esteso tentativo di resistenza alla Shoah si ebbe nel ghetto di Varsavia, nella primavera del 1943. Ma alla fine la pur coraggiosa popolazione fu costretta alla resa

IL BAMBINO DI VARSAVIA

Questo scatto è diventato un’icona, in quanto la barbarie nazista è denunciata chiaramente dallo sguardo atterrito del bambino che alza le braccia in segno di resa

LA DISTRUZIONE DEL GHETTO

Il ghetto ebraico di Varsavia fu bruciato e raso al suolo, come documentato dal ‘rapporto Stroop’, che l’omonimo comandante delle SS intitolò ‘Il ghetto di Varsavia non c’è più!’

GLI ALLEATI SCOPRONO BIRKENAU

Il campo di Auschwitz-Birkenau fotografato da un aereo dell’intelligence statunitense nell’agosto 1944

BUCHENWALD, 1945

Alcuni sopravvissuti al campo di Buchenwald, in Germania. Il settimo da sinistra, nella seconda fila di brande, è Elie Wiesel, il futuro scrittore, attivista e premio Nobel per la pace. Il più celebre dei suoi 57 libri, La notte’, racconta appunto la sua esperienza nei lager

SOPRAVVISSUTI

Le foto scattate il 7 maggio 1945 alla liberazione del campo di Ebensee in Austria, mostrano le condizioni estreme di denutrizione dei prigionieri

LA GIOIA DELLA LIBERAZIONE

Giovani prigionieri del campo di Dachau salutano con entusiasmo l’arrivo dei liberatori americani

LA PRESA DI COSCIENZA

Dopo la liberazione le truppe alleate vollero che le popolazioni si rendessero conto di quanto era stato perpetrato nelle loro zone. Qui la fuga dal campo di Auschwitz dei prigionieri, ripresa dalle telecamere dei liberatori sovietici

IL PROCESSO DI NORIMBERGA

Nell’immediato dopoguerra, la giustizia fa il suo corso. I massimi criminali di guerra del nazismo vengono sottoposti a processo. Tra loro, il n.2 del regime Goring, e il ministro degli esteri von Ribbentrop (1° e 3° da sinistra, fila in basso)

EICHMANN A PROCESSO

Uno dei principali responsabili della Shoah, Adolf Eichmann, era riuscito a nascondersi in Argentina. Nel 1960, il Mossad lo cattura. Nel ’61 il processo a Gerusalemme e la condanna a morte

LA SHOAH DEGLI ITALIANI

FASCISMO ED EBRAISMO. LE LEGGI RAZZIALI IN ITALIA

Luglio 1938. Un gruppo di dieci professori universitari, con a capo l`endocrinologo Nicola Pende, sottoscrive il “Manifesto della razza”, che allinea il fascismo alla campagna nazista contro gli ebrei. Attraverso un puro falso storico che nega l`influenza razziale di altre componenti, come quella araba in Sicilia, e considera valida a tal fine solo quella longobarda, il Manifesto afferma che la popolazione italiana è nella sua totalità di origine ariana. La pubblicazione del documento sul giornale “Il Tevere” provoca la reazione sdegnata di Papa Pio XI, dei cinquantamila ebrei italiani e di ogni italiano di buon senso, ma la logica dell`Asse è più forte. Degli 8286 ebrei italiani deportati dai tedeschi, solo 400 faranno ritorno in Italia.
play

GUARDA IL VIDEO

EBRAISMO E FASCISMO

Questo documentario del 1986 racconta il contesto delle persecuzioni antisemite da parte del fascismo, le reazioni della popolazione italiana e la terribile sorte che toccò anche a molti ebrei che avevano aderito al regime, come emerge da quest’intervista alla nipote di Ettore Ovazza, il più famoso degli ebrei fascisti italiani. Gli accordi di Monaco del 1938 avevano segnato il trionfo diplomatico di Mussolini, rafforzando le speranze di pace degli italiani. Ma egli, al contrario, convinto dei vantaggi che avrebbe ottenuto grazie all’alleanza con Hitler, cercò di ingraziarselo iniziando la persecuzione degli ebrei. Una decisione che gli italiani in gran maggioranza avrebbero rifiutato, dimostrando umanità verso la popolazione ebraica, con una miriade di piccoli atti individuali di solidarietà. Il decreto legge sulle discriminazioni razziali prevedeva delle eccezioni per gli ebrei molto vicini al regime. Dopo l’8 settembre, però, la sorte degli ebrei fascisti sarà tragica.

Ebraismo e fascismo

SHOAH: TESTIMONIANZE DI DEPORTATI ITALIANI

Le immagini dei campi di Fossoli (Comune di Carpi, Modena) e di Auschwitz (Polonia) si fondono con i racconti di alcuni testimoni diretti della persecuzione nazifascista degli ebrei. Si tratta di persone deportate con i loro familiari che sono sopravvissute ai campi di concentramento. Un viaggio nella memoria che continua a interrogare le nostre coscienze.

Shoah: testimonianze di deportati italiani

LA SHOAH E GLI ITALIANI

Gli “italiani, brava gente” capaci di aiutare gli ebrei persino all’interno dei campi di concentramento, come nel caso del lavoratore che salvò la vita a Primo Levi ad Auschwitz, e gli italiani autori delle persecuzioni, quelli delle Leggi Razziali fin dal 1938. Buoni o cattivi davanti alle persecuzioni? Una domanda alla quale, in questa puntata de ‘Il tempo e la storia’ risponde il professor Carlo Greppi.

La Shoah e gli italiani

L’ORRORE ALLA RISIERA DI SAN SABBA

4 aprile 1944: Alla Risiera di San Sabba, nell’unico campo di sterminio nazista in Italia, entra in funzione il forno crematorio. La nuova struttura viene inaugurata con la cremazione di settanta cadaveri di ostaggi fucilati il giorno prima nel poligono di tiro di Opicina. Nella notte fra il 29 ed il 30 aprile 1945 il forno crematorio e la ciminiera verranno fatti saltare con la dinamite dai nazisti in fuga per eliminare le prove dei loro crimini, secondo una prassi seguita in altri campi al momento del loro abbandono.

L’orrore alla Risiera di San Sabba’

LA RISIERA DI SAN SABBA

Il programma di Rai Storia ‘Res’ propone una storica puntata di ‘AZ Un fatto come e perché’, con cui la Rai seguì il processo del 1976 ai responsabili dell’unico lager nazista italiano: la Risiera di San Sabba di Trieste. Emilio Ravel, giornalista inviato di quel tempo, racconta gli stati d’animo dei testimoni e la reazione dell’opinione pubblica a quel processo che finì per condannare all’ergastolo un solo imputato.

La Risiera di San Sabba<

LA SHOAH DEI BAMBINI

IL BAMBINO CHE HA CHIUSO I CANCELLI DI AUSCHWIT

In occasione del Viaggio della memoria effettuato da Rai Scuola nel gennaio 2020, è stato intervistato Oleg Mandić, che aveva 12 anni quando, il 27 gennaio del 1945, l’Armata Rossa entrò nel campo di sterminio di Auschwitz Birkenau per liberare gli ultimi sopravvissuti. Nato nel 1933 a Susac, attuale Croazia, nel 1944 viene arrestato con la madre e la nonna e deportato. Non è ebreo ma “prigioniero politico” perché suo padre e suo nonno, con l’arrivo degli occupanti tedeschi, si sono uniti ai partigiani titini. Oleg, a differenza degli altri 200 mila bambini internati ad Auschwitz insieme a lui, sopravviverà alla follia nazista. Un po’ per fortuna, un po’ per destino o per caso. “Mi misero nel reparto di Mengele, perché lì c’erano gemelli maschi fino ai 18 anni. E si dimenticarono di me. Lì ci rimasi fin quasi alla fine. La febbre improvvisa fu un caso molto fortunato”. Oggi all’età di 87 anni Oleg Mandic continua nella sua opera di testimone dell’orrore affinché le nuove generazioni conoscano i fatti. Il messaggio del ragazzino che 70 anni fa’ si chiuse alle spalle i cancelli di Auschwitz è un messaggio di pace.

Il bambino che ha chiuso i cancelli di Auschwit

ENZO BIAGI SULLE TRACCE DI DAWID RUBINOWICZ

Il filmato – tratto dal programma Il giudice, di Enzo Biagi, del 1960 – racconta la storia di un bambino, Dawid Rubinovicz, deportato ed assassinato nei campi di concentramento nazisti. Di David (1927-1942), che abitava in un piccolo villaggio polacco di campagna, è rimasta soltanto una fotografia sbiadita ed il diario di alcune terribili giornate, scritto sui quaderni di scuola e dal quale, in questa unità audiovisiva, sono letti alcuni frammenti. Enzo Biagi intervista una vicina (che racconta i momenti della deportazione della famiglia Rubinovich), la maestra di David (che traccia un commovente ritratto del suo allievo), ed un prigioniero ebreo scampato alla morte.

Enzo Biagi sulle tracce di Dawid Rubinowicz

LA SHOAH DEI BAMBINI

Questo documentario del 1992 ricostruisce l’orrore vissuto dai bambini ebrei durante il nazismo. Partendo da una pagina del Diario di Anna Frank, che riporta gli obblighi cui essi erano sottoposti, vengono raccontati (con disegni, testimonianze e drammatiche immagini) anche episodi d’abbandono dei minori da parte dei genitori, nella speranza di salvare loro la vita. Nonostante gli innumerevoli tentativi, il numero delle giovani vittime della Shoah nella seconda guerra mondiale fu elevatissimo, sia dentro che fuori i campi di concentramento. Si stima che solo il 6%, o l’11% secondo le stime più ottimistiche, del totale dei bambini ebrei presenti in Europa nel 1939 sopravvisse al nazismo.

La shoah dei bambini

“Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte l’avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo penso che tutto si volgerà nuovamente al bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l’ordine, la pace e la serenità. Intanto debbo conservare intatto i miei ideali; verrà un tempo in cui saranno ancora attuabili.”

(Anna Frank – Diario)

IL DOVERE DELLA MEMORIA

SHOAH: LE TESTIMONIANZE DI DUE SOPRAVVISSUTE

La barbarie nazista rivive attraverso i ricordi di due donne sopravvissute all`Olocausto. Le loro testimonianze, tratte da una puntata di Mixer del 1993, si alternano a foto e filmati d’archivio sui lager tedeschi, ricostruendo la vita nel campo di concentramento, dall’arrivo dei treni alla sistemazione nelle baracche, alla drammatica separazione dai familiari.

Shoah: le testimonianze  di due sopravvissute

AUSCHWITZ VISTO DAI RAGAZZI

Gli occhi dei ragazzi delle scuole italiane in visita al campo di concentramento, liberato 70 anni fa; le immagini d’epoca dei deportati sofferenti; la toccante testimonianza di uno dei sopravvissuti, Sami Modiano.

 Auschwitz visto dai ragazzi

SHOAH: TRA TESTIMONIANZA E LETTERATURA

PER IGNOTA DESTINAZIONE

Per rendere omaggio a Piero Terracina, uno degli ultimi sopravvissuti della comunità ebraica romana alla tragedia della Shoah, scomparso l’8 dicembre del 2019, vi proponiamo il documentario realizzato da Rai Storia nel 1995, Per ignota destinazione, di Piero Farina. Racconta il ritorno di Piero Terracina ad Auschwitz per la prima volta dagli anni della prigionia.

 Per ignota destinazione

PIERO TERRACINA E LE LEGGI RAZZIALI

Nel 1938 entrarono in vigore le Leggi Razziali, che colpirono gli ebrei italiani e stranieri presenti nel nostro paese. In questa intervista, il testimone sopravvissuto alla Shoah Piero Terracina, venuto a mancare l’8 dicembre 2019, racconta il suo vissuto, le sofferenze, i momenti difficili che fin da giovane ha dovuto affrontare come ad esempio il primo giorno della quinta elementare.

Piero Terracina e le leggi razziali

PRIMO LEVI: TESTIMONIARE PER NON DIMENTICARE

“Meditate che questo è stato”, si legge in una poesia di Primo Levi. Un verso che riflette tutto il valore e l’importanza della memoria: affinché ciò che è stato non si ripeta, ma anche affinché si perpetui l’impossibilità della rassegnazione all’orrore. Primo Levi (Torino, 1919-1987), scrittore e chimico ebreo sopravvissuto alla deportazione ad Auschwitz, ha fatto di questo lo scopo della sua vita dal giorno della liberazione. A testimonianza della sua tragica esperienza scrisse “Se questo è un uomo”, cui seguirono “La Tregua”, “I sommersi e i salvati” ed altri testi, quali “L’altrui mestiere”, “Vizio di forma” e “Lilit”.

Primo Levi: testimoniare per non dimenticare

NASCE A TORINO PRIMO LEVI

Nasce a Torino da una famiglia ebraica Primo Levi, scrittore tra i più importanti della letteratura italiana, testimone del dramma della persecuzione razziale, di cui e’ stato vittima e che ha saputo raccontare come pochissimi altri. Con l’introduzione delle leggi razziali, riesce comunque a laurearsi. Nel 1943 entra in contatto con un gruppo di partigiani, ma viene arrestato dalla milizia fascista e deportato, con altri 650 ebrei, nel campo di sterminio di Auschwitz. Sopravvissuto all’esperienza, sente il dovere di raccontare e Scrive Se questo è un uomo, diventato un classico della letteratura mondiale. Poi pubblica La tregua, che vince la prima edizione del Premio Campiello. Nel 1986 pubblica I sommersi e i salvati. L’11 aprile 1987 viene trovato privo di vita alla base della tromba delle scale della sua abitazione.

Nasce a Torino Primo Levi

DAI ‘DIARI’ DI ETTY HILLESUM

L’attrice Silvia Siravo legge alcuni passaggi del diario della scrittrice olandese di origine ebraica Etty Hillesum (1914-1943), pubblicato quasi quarant’anni dopo la sua morte ad Auschwitz e poi tradotto in decine di lingue diverse. Il video è tratto dal programma di Rai Scuola “Nautilus”.

Dai ‘Diari’ di Etty Hillesum

ETTY HILLESUM. IL DIARIO E LE LETTERE

Etty Hillesum, giovane ebrea deportata e morta ad Auschwitz nel 1943, lascia un diario e una serie di lettere da cui emerge una profonde fede nella vita e nell’umanità. Qui Chiara Zamboni, docente di filosofia del linguaggio dell’Università di Verona, evidenzia i vari livelli di senso del diario (storico, esistenziale, religioso) e in particolare il significato della scoperta di un “silenzio interiore”, “la parte più profonda di sé” che Etty identifica con Dio e che costituisce il fondamento dell’incontro con gli altri. Il video è arricchito da immagini di recenti iniziative a lei dedicate.

Etty Hillesum. Il Diario e le lettere

DAL ‘DIARIO DI ANNA FRANK’

“Ebrea o non ebrea, io sono soltanto una ragazzotta con voglia di divertirmi…” L’attrice Silvia Siravo legge alcuni passaggi dal “Diario” di Anna Frank (1929-1945), straordinaria testimonianza di resistenza alla Shoah e di fede invincibile nella vita e nell’uomo. Il video è tratto dal programma di Rai Scuola ‘Nautilus’.

Dal ‘Diario’ di Anna Frank’

VITA DI ANNA FRANK

Vita di Anna Frank (12 giugno 1929 – 31 marzo 1945), ragazza ebrea tedesca morta nel campo di concentramento di Bergen-Belsen e divenuta uno dei simboli dell’Olocausto grazie al meraviglioso Diario da lei scritto e pubblicato postumo dal padre. In questo video la preziosa testimonianza di un’amica d’infanzia illustra la vita di Anna ad Amsterdam prima che le leggi razziali sconvolgessero la sua vita di adolescente intelligente e vivace.

Vita di Anna Frank

GLI APPROFONDIMENTI

HITLER 1925: IL MEIN KAMPF

Per capire la Shoah è utile risalire alle sue radici ideologiche. ‘Mein Kampf’, cioè ‘La mia battaglia’ è il libro scritto da Adolf Hitler dopo il fallimento del putsch di Monaco del’23, nel quale egli enuncia la sua folle ideologia, compreso l’antisemitismo, che avrebbe poi messo in pratica una volta giunto al potere. Pubblicato in due parti nel 1925 e 1926, il libro sulle prime ottiene scarsa attenzione; ma a partire dal 1930, ripubblicato in forma unificata, ottiene un successo eccezionale. Lo storico Emilio Gentile, in questa puntata de ‘Il tempo e la storia’ ci illustra come prendono corpo quelle idee che presto porteranno alla Seconda guerra mondiale e alla Shoah. (La parte relativa all’antisemitismo è discussa in particolare ai minuti 20-27).play

GUARDA IL VIDEO

IL TERMINE ‘OLOCAUSTO’: STORIA E SIGNIFICATO

Il termine Olocausto deriva dal greco ed indica un sacrificio in cui la vittima animale viene completamente bruciata in onore delle divinità. Nell`italiano antico la parola denota un sacrificio estremo o violento, non più legato, però, all`immolazione degli animali. Ma, a partire dalla Seconda Guerra Mondiale, il vocabolo viene tragicamente identificato con lo sterminio degli Ebrei ad opera dei nazisti.

Il termine ‘Olocausto’: storia e significato

LE LEGGI RAZZIALI

Le leggi razziali del 1938 – che porteranno prima alle discriminazioni contro gli ebrei, poi alle deportazioni – sono un dei punti più bassi del regime fascista e della storia italiana. Come nasce il sentimento antiebraico di Mussolini? Cosa lo spinge a questo passo? In questa puntata de ‘Il tempo e la storia’, il professor Mauro Canali ripercorre la genesi delle leggi razziali, analizzando anche l’evoluzione dei rapporti tra Hitler e Mussolini, la posizione della Chiesa, i tentativi fatti dagli stessi ebrei di convincere Mussolini a cambiare idea, le conseguenze come l’esilio di molti insigni personalità dall’Italia.

Le leggi razziali

LA ZONA GRIGIA

Primo Levi, ex internato di Auschwitz, la chiamava la “zona grigia”: quell’area formata da prigionieri che garantiscono la tenuta del Lager in virtù della loro collaborazione con i nazisti, e hanno un potere sostanzialmente illimitato sulla vita degli altri internati. A ‘Il tempo e la storia’ ce ne parla lo storico Carlo Greppi.

La zona grigia

IN VIAGGIO VERSO I LAGER

Da tutta Europa i deportati arrivavano nei lager ammassati su vagoni di treni merci. Il viaggio durava giorni e giorni e rappresentava esso stesso un’anticipazione di ciò che uomini, donne e bambini avrebbero trovato al loro arrivo. Il progetto era quello di iniziare da subito ad annientare la personalità dei deportati (cosa che, oltre alla sofferenza e alla morte, era la cifra identificativa dei lager). L’universo dei campi di concentramento occupava l’intera Europa centrale e consisteva in migliaia di lager, grandi e piccoli. C’erano quelli specializzati nello sterminio, in cui si andava solo a morire. Ma la maggior parte erano campi di lavoro, in cui le condizioni inumane di vita portavano alla morte decine di migliaia di lavoratori-schiavi. A ‘Il tempo e la storia’ ce ne parla lo storico Carlo Greppi.

In viaggio verso i lager

CONCLUDIAMO CON UNA FRASE DI ANNA FRANK:

“E’ UN GRAN MIRACOLO CHE IO NON ABBIA RINUNCIATO A TUTTE LE MIE SPERANZE PERCHÉ ESSE SEMBRANO ASSURDE E INATTUABILI. LE CONSERVO ANCORA, NONOSTANTE TUTTO, PERCHÉ CONTINUO A CREDERE NELL’INTIMA BONTÀ DELL’UOMO”

(Anna Frank – Diario)


Fonte: IWebDoc di Rai Cultura

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *