SINISTRA ITALIANA: UN’INDEGNA ABIURA

di Raffaele CARDILLO

 

Prendano esempio e imparino dai parlamentari Cinque Stelle, i nostri abominevoli e insulsi coinquilini dell’emiciclo per antonomasia, che con il loro atto di rinuncia al vitalizio, hanno dato prova del loro solidarismo verso i loro connazionali più sfortunati, che con una pensione da fame e grazie anche alla dissennata Legge Fornero, riescono a malapena a sbarcare il lunario, conducendo una vita grama al limite dell’indigenza.

Questo è quanto  propinato dalla cosiddetta <Sinistra Italiana> che venendo meno ai dettami propugnati dai loro Padri Nobili, Gramsci in testa, hanno letteralmente abdicato ai principi ispiratori di un’ideologia, miranti alla tutela delle forze lavoratrici: un’abiura sconvolgente, avvalorata anche dal fatto per le ignobili scelte a favore dei circoli giudaico-massonici, che stanno strangolando le economie mondiali, stravolgendo e immiserendo la concezione di Stato Sovrano, riducendolo a mera <entità geografica>, e totalmente asservito a Gruppi Sovranazionali, squisitamente cospirazionisti, tipo Bilderberg e Commissione Trilateral.

Quello, poi, che più ci irrita è la farsesca pantomima messa in scena da Matteo RICHETTI, deputato egregio del PARTITO DEMOCRATICO e autorevole esponente del <giglio magico> dell’ineffabile rottamatore di Rignano, che ha presentato un disegno di legge circa l’abolizione dei vitalizi ai parlamentari e prontamente approvato alla Camera, ma ignominiosamente votato contro al Senato proprio dal gruppo che una volta era denominato Partito dei Lavoratori: uno spregevole voltafaccia che connota, ove mai ce ne fosse bisogno, uno stuolo di indegni cialtroni, ipocriti e parassiti che difficilmente arretreranno di un centimetro, riguardo alla rinuncia dei loro indecenti privilegi, acquisiti sulla pelle dei milioni di poveri italiani che vivono sotto la soglia di povertà.

Ebbene questo e quanto, crediamo che non ci sia altro da aggiungere, che gli italiani tutti valutino nella loro interezza da chi siamo rappresentati, e al momento del <redde rationem> sappiano regolarsi di conseguenza!

E tanto per parafrasare il discorso di Oliver Cromwell ai parlamentari britannici, invitiamo i nostri insigni gaglioffi a togliere il disturbo, con un solo grido:

IN NOME DI DIO ANDATEVENE!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *