Sito ecoballe, l’assessore Ucciero stoppa le polemiche: dopo il vertice con Bonavitacola abbiamo allertato anche Gisec. Ben venga il Consiglio

COMUNE DI VILLA LITERNO

 

«L’amministrazione comunale di Villa Literno è in prima linea nell’affrontare il problema del sito di ecoballe». Stoppa così le polemiche di questi giorni l’assessore all’Ambiente Raffaella Ucciero. «Dopo l’incendio abbiamo avuto un incontro in Regione dietro nostra richiesta con il vicepresidente Bonavitacola il quale ci ha rassicurato rispetto alla volontà di portare avanti la bonifica dell’area – ha sottolineato l’assessore – Bonavitacola ci ha garantito che, molto presto partiranno i lavori del secondo lotto per la rimozione delle ecoballe da località Ponte Riccio e che, la Regione farà tutto il possibile per recuperare qualche piccolo ritardo che si è accumulato in questi mesi». Ucciero sottolinea come l’amministrazione non si sia fermata qui. «Abbiamo scritto una lettera alla Gisec, la società che si occupa del controllo e della sorveglianza dell’impianto, alla quale abbiamo chiesto di ripristinare un sistema di monitoraggio dell’area che si possa considerare degno di questo nome – ha ripreso – assieme al sindaco Tamburrino stiamo facendo di tutto per affrontare in maniera energica la questione ambientale nell’interesse dei cittadini di Villa Literno». Quanto alla richiesta di consiglio comunale da parte dell’opposizione Ucciero è serena e, anzi, sottolinea come può essere un’occasione per discutere tutti assieme di un problema delicato per Villa Literno. «Ben vengano momenti di confronto su tematiche così delicate – ha chiosato – sono certa che il presidente del consiglio convocherà a stretto giro una conferenza dei capigruppo per fissare la data. Le ecoballe sono un problema su cui non si deve, o dovrebbe, fare politica e, quindi, un confronto responsabile rappresenta un momento di crescita per il paese».

 

Villa Literno, 29 marzo 2017

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *