Sul Coronavirus, dal Post

A oggi sono stati segnalati 244.752 casi positivi in Italia.
Sono le 18.
Voi a scuola lo avreste voluto un banco con le ruote?

Da qualche giorno si discute molto di un bando avviato dal governo per l’acquisto di banchi singoli, che saranno necessari per garantire il distanziamento fisico tra gli studenti nelle aule, in vista della riapertura delle scuole a settembre. Il ministero dell’Istruzione ha stimato che potrebbero essere necessari fino a tre milioni di nuovi banchi, e che circa la metà dovrebbero essere di un tipo particolare: con le ruote e il posto a sedere, fatti di plastica e con un ripiano non molto grande, ma che dovrebbe essere sufficiente per un libro e un quaderno.

I banchi con le ruote erano stati citati il mese scorso dalla ministra per l’Istruzione, Lucia Azzolina, che aveva chiarito come potessero rivelarsi utili non solo per l’emergenza coronavirus, ma anche in futuro per incentivare forme di didattica più innovative. Stando a quanto annunciato dal governo, questi banchi potranno essere impiegati nella scuola secondaria (quindi medie e superiori), dove il loro impiego dovrebbe rivelarsi più agevole rispetto alle elementari con bambini più piccoli. 

Gli istituti scolastici avevano tempo fino a oggi per comunicare al ministero le loro necessità in termini di nuovi banchi, mentre il bando europeo per l’assegnazione dell’azienda che si dovrà occupare di rifornirli scadrà il prossimo 30 luglio. I contratti di fornitura dovranno essere poi firmati entro il 7 agosto, in modo da consegnarli in tempo per l’inizio dell’anno scolastico. Gli ordini riguarderanno sia i banchi con le ruote, se alcune scuole ne faranno richiesta, sia i banchi singoli tradizionali, quelli a tavolino per intenderci.

Il costo dell’operazione non è noto perché molto dipenderà dalle tipologie di banchi scelti e dai prezzi proposti dalle aziende che parteciperanno al bando. Non è nemmeno chiaro se si arriverà alla soglia massima dei 3 milioni di banchi, che corrisponde più o meno al 40 per cento dei banchi delle scuole italiane, che contano nel complesso circa 360mila classi.

L’iniziativa del ministero non è piaciuta a diversi presidi, insegnanti e osservatori, che hanno fatto notare come per molti istituti i problemi siano per lo più di edilizia scolastica, con spazi inadeguati per fare lezione e praticare al tempo stesso il distanziamento fisico, senza contare i modi creativi in cui potrebbero essere usati i banchi a rotelle durante la ricreazione.

Abbiamo chiesto qualche dettaglio al ministero dell’Istruzione su questo piano banchi, ruote comprese.

La situazione in Italia
Oggi la Protezione Civile ha comunicato che dall’inizio dell’epidemia in Italia sono stati rilevati 244.752 casi positivi, 128 in più rispetto a ieri, lunedì 20 luglio, quando era stato segnalato un aumento di 190 rispetto a domenica. Tra venerdì e sabato l’incremento era stato di 249, tra sabato e domenica di 218.

I morti totali sono 35.073, quindi 15 in più di ieri. Nei reparti di terapia intensiva sono ricoverati 49 pazienti con COVID-19

Scuola 2
A proposito di scuola, nei mesi scorsi la chiusura degli istituti scolastici per ridurre la diffusione della pandemia è stato uno dei temi più discussi, con forti critiche nei confronti delle esitazioni e cautele ritenute eccessive da parte dei governi, come avvenuto in Italia. Al di là delle polemiche, il tema delle scuole come importante mezzo di contagio esiste e una nuova ricerca ha evidenziato come i più giovani – tra i 10 e i 19 anni – siano sostanzialmente contagiosi come gli adulti, quando sono infetti dal coronavirus. I dati emersi dallo studio offrono nuovi spunti importanti non solo per capire come si diffonda la COVID-19, ma anche per organizzare la riapertura delle scuole alla fine dell’estate.

Controlli
L’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato ha detto che si sta valutando l’impiego di “test rapidi a campione” in aeroporto a Fiumicino sui passeggeri provenienti da paesi considerati ad alto rischio di contagio: “A Fiumicino si registra un numero di voli superiore agli altri scali italiani e per questo ora cerchiamo di privilegiare test rapidi anche a campione sui voli da zone ad alta incidenza virale. In questa maniera testando chi proveniva dal Bangladesh, abbiamo rintracciato 240 positivi. Ora abbiamo anche un problema col Pakistan, bisogna coniugare il diritto alla salute col diritto a viaggiare”.

Europa
Alle 5:30 di questa mattina – dopo cinque giorni di serrate trattative, come dicono quelli – il Consiglio Europeo (l’organo che raduna i capi di stato e di governo dell’Unione) ha raggiunto un accordo sul bilancio 2021-2027 dell’Unione Europea e sul Fondo per la ripresa, cioè quello che diventerà il principale strumento europeo per stimolare l’economia dopo la pandemia. Il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, ha parlato di «una giornata storica per l’Europa e per l’Italia» e toni un poco più misurati sono stati usati dal presidente francese Emmanuel Macron e dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, che hanno avuto un ruolo centrale nei negoziati di questi giorni. Qui i dettagli sul fondo da 750 miliardi di euro.

Il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, si riposa durante una breve pausa delle lunghe trattative al Consiglio Europeo (Palazzo Chigi)

Pandemia
Sabato scorso l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato di avere registrato il più alto incremento di casi positivi da coronavirus nel mondo dall’inizio della pandemia: quasi 260mila nelle precedenti 24 ore. Ha inoltre segnalato 7.360 morti, l’aumento maggiore registrato in un solo giorno dal 10 maggio. Nonostante in Europa la situazione sia migliorata negli ultimi due mesi, seppur con qualche recente preoccupazione, in altre zone del mondo i nuovi contagi da coronavirus stanno continuando a crescere in maniera significativa: tra i paesi più interessati, in termini assoluti, ci sono Stati Uniti, Brasile, India e Sudafrica.

Sudafrica
E proprio in Sudafrica si sta mettendo male. Nell’ultimo mese si è registrato un aumento significativo dei nuovi casi giornalieri di coronavirus: lunedì ne sono stati comunicati più di 13mila, numero simile a quello dei dieci giorni precedenti. L’OMS segnala che la diffusione dell’epidemia in Sudafrica dovrebbe essere un monito per tutti i paesi del continente, per lo più impreparati ad affrontare una crisi sanitaria di grandi dimensioni. In Sudafrica, il governo guidato dal presidente Cyril Ramaphosa aveva imposto uno dei più rigidi lockdown al mondo, che però poi era stato progressivamente allentato per far ripartire l’economia.

Mecca
Quest’anno il pellegrinaggio rituale alla Mecca per chi è di fede musulmana inizierà il 29 luglio e, a causa dell’emergenza coronavirus, vi potranno partecipare solo mille persone, ha comunicato l’Arabia Saudita. Di solito ogni anno circa due milioni e mezzo di persone partecipano al pellegrinaggio nel corso di diversi giorni.

Come usare le mascherine, spiegato bene ?
La regola più importante è facile: dovete-tenerle-anche-sul-naso.

Vaccino
Il vaccino sperimentale contro il coronavirus sviluppato presso l’Università di Oxford ha fatto riscontrare una marcata risposta immunitaria in circa mille volontari, secondo uno studio pubblicato lunedì sulla rivista medica Lancet. I risultati della prima fase di test erano attesi da alcuni giorni e sono stati accolti positivamente da virologi ed esperti, alla ricerca di soluzioni per ridurre la diffusione della pandemia. È una buona notizia e porta un po’ di ottimismo, ma la strada per avere un vaccino sarà ancora lunga.

Le nostre strade, invece, si incrociano nuovamente giovedì nella vostra posta in arrivo, ottimisti. Ciao!

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *