Vangelo di Domenica 15 Gennaio 2017

Coinvolgersi nell’umanità

Vangelo di Giovanni 1,29-34

Il giorno dopo, Giovanni vede Gesù venire verso di lui, e dice: ‘Ecco l’Agnello di Dio che prende su di sé il peccato del mondo. Parlavo di lui quando dicevo: dopo di me viene uno che è più grande di me, perché esisteva già prima di me. Anch’io non lo conoscevo, tuttavia Dio mi ha mandato a battezzare con acqua, per farlo conoscere al popolo d’Israele’. Poi Giovanni portò questa testimonianza: ‘Ho visto lo Spirito di Dio scendere come colomba dal cielo, e rimanere sopra di lui. Anch’io non lo conoscevo quando Dio mi mandò a battezzare con acqua, ma Dio mi disse: ‘Vedrai lo Spirito scendere e fermarsi su un uomo – è lui che battezzerà con Spirito Santo’. Ebbene, io l’ho visto accadere, e posso testimoniare che Gesù è il Figlio di Dio’.

 

– 15 gennaio 2017 – Seconda domenica del tempo ordinario –

RDIO TOGLIE IL PECCATO (Gv 1,29)

riflessioni pluri-tematiche sul Vangelo della domenica                                              

A cura del Gruppo biblico ebraico-cristiano  השרשים  הקדושים

 

  1. Dalla voce nel deserto alla voce nella città

Pare che Gesù sia stato l’ultimo ad essere battezzato da Giovanni nel fiume Giordano; infatti, il Battezzatore fu subito dopo arrestato dai soldati di Erode Antipa e decapitato. Aveva esaurito il proprio compito, spianato la strada a Colui che avrebbe battezzato  nello Spirito. Alla storia dei profeti ora succede la storia degli apostoli e dei testimoni. Oggi balza in primo piano l’ultimo degli apostoli: Paolo. Se Giovanni era una voce che gridava nel deserto, Paolo è una voce che grida nelle città. Non era coperto di peli di cammello, non si nutriva di locuste e di miele selvatico; vestiva secondo la moda, aveva un mestiere, aveva la cittadinanza romana, pur essendo ebreo. Ma aveva in comune con il Battezzatore la passione per Cristo, e come Giovanni farà esperienza del carcere e del martirio. Per cinque domeniche consecutive, Paolo si rivolgerà a noi con le parole della prima delle sue due lettere che egli scrisse ai cristiani di Corinto. Per un discorso sull’amore, Paolo sceglie una città molto singolare, Corinto, la città delle prostitute consacrate alla dea Venere. Paolo vuole annunciare, alle tante Maddalene dei sacri postriboli, il Cristo, uomo perfetto e figlio di Dio.

 

  1. Gesù toglie i peccati del mondo

Proviamo a fare l’analisi logica. Il soggetto è Gesù: egli è il liberatore, non la politica o la scienza o le ideologie o l’economia: nessun uomo e nessuna chiesa! Quello da cui ci libera Gesù è il peccato, cioè il male nella sua radice, non nelle sue sovrastrutture, ma in quella struttura profonda, che è il cuore dell’uomo. Ecco il senso profondo: Gesù ci dà un cuore nuovo, più sensibile alla sofferenza dei fratelli. E qui, due domande sono necessarie: ma noi crediamo davvero che Gesù è l’unico salvatore? Abbiamo dei mali da farci perdonare? L’uomo, oggi, sembra davvero convinto di essere lui il padrone della vita; oggi, l’uomo non appare più come un frettoloso pellegrino in questa valle di lacrime, ma un sedentario sicuro, che progetta la vita e la storia; una nuova missione lo affascina: la conquista graduale della terra e del cosmo; egli ha preso sul serio il monito di Nietzsche: Vi scongiuro, fratelli. Restate fedeli alla terra! Da teocentrica, la visione dell’uomo è diventate geocentrica, meglio, antropocentrica. L’uomo non attende più nessun salvatore, non si sente colpevole di nulla: Tutto va bene: ecco l’illusione! Tutto andrà bene: ecco la speranza! Ma forse l’uomo ha avuto troppa fretta nell’annunciare la morte di Dio e la nascita del superuomo. Se ne accorse lo stesso pazzo profeta: Cosa facemmo sciogliendo la terra dal suo sole? Dove andiamo noi, lontani da ogni sole? Non andiamo forse in un infinito nulla? Non vengono sempre notti, sempre più notti? Assisteremo al salire di una marea nera. Uccidere Dio è stato un suicidio e non un deicidio. La scienza potrà dirci come vivere, ma non perché vivere; la scienza potrà risolvere i problemi,, ma non i misteri. Restano senza risposta le domande di Teilhard de Chardin: Perché il dolore fisico? Perché la sofferenza morale? Perché la morte. Con queste passività esistenziali, con questa tragica triade occorre sempre fare i conti anche nella società meglio progettata e realizzata.

  1. Il pentitismo è diverso dal pentimento!

Oggi l’uomo si presenta come Polifemo: un gigante ma cieco: alla immensa ricchezza tecnologica corrisponde una sconfortante povertà valoriale. O come l’astuto Ulisse davanti alle Sirene: in filigrana si intravede il destino dell’uomo occidentale, che diventa sì padrone della natura, ma asservendo se stesso, legato all’albero della sua stessa nave, e disperatamente smanioso di libertà; in questo senso va anche letta la risposta di Ulisse: a Polifemo che gli chiede chi sia, Ulisse risponde: Nessuno; grazie a quello stratagemma Ulisse salva la vita, ma negando la propria identità. Oggi assistiamo ad un’assoluzione generale, a un pentitismo diffuso. Nessuno è colpevole. La colpa è dei cromosomi, dell’ambiente, del sistema, delle strutture. Anche numerosi cristiani rifiutano il cosiddetto armadio dei peccati, per il più confortevole lettino dello psicologo. A pagamento!  Ci farà del bene ricordare queste due verità: 1) anzitutto il peccato non è solo la trasgressione di una legge; la strada del cristiano non è costellata da cartelli: Fa’ questo, non fare quello; sulla nostra strada c’è un Dio che fa autostop, che ci prega di caricarlo sulla nostra macchina, e di fare il viaggio con Lui; diventare amici, compagni, mangiare cioè lo stesso pane della gioia e del dolore; peccato è quindi rifiutare l’incontro, il dialogo, l’amicizia; 2) inoltre, in ebraico, il verbo peccare alla lettera significa mancare il segno, fallire il bersaglio; chi pecca fallisce il proprio bersaglio; non solo fa male, ma si fa del male; quelle che noi chiamiamo leggi di Dio sono in realtà leggi dell’uomo; peccato è non realizzare ciò a cui siamo chiamati. Adamo, dove sei? L’uomo non è là dove dovrebbe essere. E’ andato a nascondersi. L’uomo diventa meno uomo. Questo è il peccato!   BUONA VITA!

 

Sabato 21 gennaio 2017, ore 19

Giornata dell’Ebraismo:

Saluto del Parroco don Antonello Giannotti

Riflessioni su Testimoni della Shoàh

Dott.ssa Maria Rosaria Fazio e Don Franco Galeone

 

Sabato dal 4 febbraio al 24 giugno, ore 16.00 / 18.00

 

corso intensivo di lingua biblica e mistica ebraica

docenti: Dott.ssa Maria Rosaria Fazio e Don Franco Galeone

* ogni sabato, dal 4 febbraio al 24 giugno 2017

 

presso la Parrocchia Gesù Buon Pastore (Sala G. Moscati)

Ti aspettiamo!

Informazioni: 081.229.16.18 // 0823.329.273

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *