Venerdì 27 gennaio alle ore 17,30 alla biblioteca vescovile di Caserta verrà presentato il libro di Claudio Coluzzi: “Benvenute in Paradiso”

Il libro raccoglie, con un filo narrativo romanzato che dà vita ad un giallo, 11 inchieste giornalistiche realizzate a Caserta e in Campania. Sono fatti che tutti noi ogni giorno resocontiamo ma ci sono anche tantissimi aneddoti, retroscena approfondimenti. L’obiettivo è di rappresentare tanti “eroi silenziosi” che, nonostante tutto e tutti, in questa Terra si battono ogni giorno e lavorano per migliorarla. Inoltre contiene un forte messaggio contro la violenza sulle donne e lo sfruttamento della prostituzione e la tratta degli immigrati.

LA STORIA

Per tante ragazze come loro l’Italia è stato il Paradiso e l’Inferno nello stesso tempo. Jana e Sonia hanno attraversato il mare a bordo di un gommone e sono finite nell’orrore dello sfruttamento della prostituzione gestito dai clan albanesi che operano in Italia. Jana viene violentata, costretta ai marciapiedi nel Casertano

e, quando è incinta di un cliente, è “deportata” in Germania: qui partorisce e le strappano il figlio, venduto a una coppia tedesca.

Gli aguzzini prendono i soldi e lei finisce di nuovo per strada. Sonia invece viene uccisa in un vialetto di campagna. Un giornalista e un commissario di polizia indagano su quel crimine per ridare dignità, almeno da morta, a Sonia. Le due

storie sono assolutamente vere, fatti di cronaca pubblicati dall’autore sul quotidiano Il Mattino, di Napoli. Come altre inchieste giornalistiche che offrono uno spaccato drammaticamente sincero della criminalità e della violenza sulle donne. Ma la cronaca assume, nel percorso narrativo, i contorni di un romanzo giallo in cui vero e verosimile si intrecciano.

Ne deriva un racconto ricco di aneddoti di vita vissuta, di descrizioni, di colpi di scena, ma anche un libro di denuncia di orrori e violenze da troppo tempo sotto gli occhi di tutti.

5

6

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *