Via alla rimozione delle ecoballe, Tamburrino soddisfatto: una giornata Importante per Villa Literno, ora possiamo guardare con serenità al futuro

COMUNE DI VILLA LITERNO

 

«E’ stata una giornata importantissima per Villa Literno e per tutti i Comuni del comprensorio. Grazie alla straordinaria concretezza e alla vicinanza che il governatore De Luca ha sempre dimostrato per il nostro territorio, sono partiti i lavori per la rimozione delle ecoballe. I primi rifiuti sono stati rimossi dal sito dando inizio in maniera reale all’azione di bonifica dell’area». E’ soddisfatto il sindaco di Villa Literno Nicola Tamburrino dell’avvio dei lavori per la rimozione delle ecoballe. «Il presidente De Luca, il suo vice Bonavitacola hanno dimostrato come in pochi mesi, grazie alla buona amministrazione, si possano risolvere problemi che si trascinano da anni – ha specificato Tamburrino – la nostra amministrazione, sin dal suo insediamento ha lavorato affinché si potesse arrivare ad una giornata come quella di oggi. Non vanno dimenticate le azioni forti e anche provocatorie che abbiamo condotto in questi anni come la campagna “adotta un’ecoballa” che hanno avuto anche una rilevanza internazionale. Finalmente oggi possiamo guardare con uno sguardo diverso al futuro». Il governatore De Luca, nel corso della sua mattinata a Villa Literno ha anche incontrato una delegazione dei lavoratori del Cub che vivono una situazione difficile sul piano professionale. «Il presidente ha prospettato loro ancora una volta una soluzione concreta del problema – ha ripreso Tamburrino – ci saranno infatti due mesi di formazione professionale retribuita e poi l’impiego delle maestranze per la raccolta differenziata. Voglio ringraziare il presidente De Luca, il vicepresidente Bonavitacola per quanto fatto per questo territorio certi di poter contare su una loro collaborazione costante anche nell’immediato futuro pure su altre problematiche».

2

3

4

5

6

8

9

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *