VICOFORTE – REGINA ELENA

Associazione Internazionale Regina Elena Onlus

217a Giornata di Carità per Vicoforte ed il cuneese

L’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha organizzato il 28 novembre, in provincia di Cuneo, la sua 217a Giornata di Carità.

Il carico di 1.250 panettoni, viveri e vestiario nuovo è partito all’alba da Formigine (MO). Fa seguito a quelli delle Giornate di Carità di Bari (20 ottobre), Ferrara (1 novembre) e Montpellier (ieri), ed è stata organizzata nell’ambito delle attività per il Santuario di Vicoforte, che hanno già compreso:

– i pellegrinaggi del 15 aprile e del 3 giugno 2018, grazie alla fraterna accoglienza dell’allora Rettore del Santuario e Vicario generale della diocesi di Mondovì, Mons. Bartolomeo Bessone;

– la 170a Giornata di Carità del 4 settembre 2018, la 177a del 28 novembre 2018 e la 193a del 5 aprile 2019 a Vicoforte, Mondovì e Cuneo. Il camion di viveri fu accolto dal Presidente nazionale del sodalizio, Gr. Uff. Ilario Bortolan, accompagnato da dirigenti, al Santuario della Natività di Maria – Regina Montis Regalis di Vicoforte (CN), prima di un momento di raccoglimento e di preghiera sulla tomba della “Regina della Carità”.

Una parte del carico è stata devoluta alla casa di Mondovì di una congregazione religiosa con sede in Piemonte e con missioni all’estero, oltre che alla parrocchia di Dogliani ed a famiglie disagiate del cuneese. Con il Presidente Ilario Bortolan erano presenti il Delegato nazionale agli eventi Isp. Alfio Torrisi, la Delegata nazionale per la Romania Carmen Cadar, la Presidente del Coordinamento Sabaudo Maura Aimar, il Presidente del Centro Studi Principessa Mafalda Milo Ferrua, il Segretario nazionale dell’IRCS, il Segretario generale dell’Opera Principessa di Piemonte, dei soci, cinque Suore ed altre persone.

Allo scarico, diretto dal Geom. Martino Mauro, è seguita una preghiera sulla tomba della Regina Elena e del consorte, nel giorno del 67° anniversario del richiamo a Dio di Elena del Montenegro, allora Regina Madre d’Italia e Contessa di Pollenzo. Il Rettore del Santuario, Mons. Francesco Tarò, ha pronunciato il De profundis prima di impartire la benedizione alle tombe ed ai presenti. Quindi, con l’autorizzazione del Rettore, le Suore hanno deposto un omaggio floreale sotto la tomba della “Regina della Carità”.

A conclusione delle distribuzioni e prima della celebrazione religiosa, a nome del Coordinamento Sabaudo il suo Presidente Maura Aimar (che è succeduto nella carica quest’anno al Segretario Nazionale del MMI Dr. Andrea Rosso, scaduto il suo mandato quinquennale) ha consegnato al Rettore del Santuario la fotografia della  “Rosa d’Oro della Cristianità”,  ricevuta dalla Regina Elena 82 anni fa e conservata nel tesoro della Cattedrale di Roma (reparto n. 107 della teca XV). La cerimonia si è svolta il 5 aprile del 1937 presso la Cappella Paolina del Palazzo del Quirinale e la riconsegna a Santa Romana Chiesa dalle LL.AA.RR. le Principesse Maria Pia e Marina (primogenita e nuora di Re Umberto II) il 18 ottobre 1983 nella Basilica di S. Giovanni in Laterano, dove è custodita da 36 anni.

PREGHIERA PER LA BEATIFICAZIONE DI ELENA DEL MONTENEGRO

composta da S.E.R. Mons. Louis Boffet per l’Association Internationale Reine Hélène

Seguendo Gesù Cristo

Amico e Servitore dei poveri,

Ella non ha cessato di crescere in carità e in santità.

Noi ti domandiamo di coronare i Suoi meriti nella gloria del Tuo cielo.

E Tu, Serva di Dio, intercedi per noi.

Veglia sui nostri figli e sulle nostre Patrie.

Ottienici, sul Tuo esempio,

la generosità nella prova e la prontezza nel servizio per gli altri: vera espressione della carità di Cristo.

E Tu, che hai vissuto intensamente la lacerazione tra i cristiani, pacifica gli spiriti,

placa i rancori e che la Pace infine rifiorisca.

Signore, noi Te lo chiediamo per Gesù Cristo

che regna nei secoli dei secoli. Amen

foto 23, da sinistra: Alfio Torrisi, Ilario Bortolan

http://www.reginaelenaonlus.eu/web/la-rosa-doro/

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *