Visitare le “Isole Madeira”

Oltre alle famose isole Azzorre, che richiamano ogni anno migliaia di turisti grazie alla loro bellezza naturale, il Portogallo ha anche altre due isole altrettanto meravigliose, che però spesso rimangono nell’ombra. Stamo parlando delle Isole Madeira, oasi naturale di rara bellezza, che promette di regalarvi emozioni irripetibili.

Le isole Madera si trovano in pieno Oceano Atlantico, a sud-ovest del Portogallo, e si affacciano sulla costa del Marocco. Questo arcipelago, insieme alle Azzorre, alle Canarie ed a Capo Verde, forma la Macaronesia.

L’arcipelago è formato da 2 isole principali: Madeira (o Madera) e Porto Santo, alle quali si aggiungono altre 3 isole minori completamente disabitate e chiamate Desertas e due isole sempre disabitate, denominate Isole Selvagge.

  1. Madeira: è l’isola più grande dell’arcipelago, con una superficie di 741 kmq. Qui si trova il suo aeroporto, dedicato al suo cittadino più celebre, il calciatore Cristiano Ronaldo, e la capitale Funchal, ricca di strutture turistiche.
  2. Porto Santo: l’isola, che si trova a circa 50 km da Madeira, ha decisamente poco da offrire rispetto all’isola principale. Qui la natura è decisamente più brulla, vista la quasi totale assenza di edifici per i suoi 5.000 abitanti.

Cose da vedere: spiagge e luoghi di interesse

  1. Cattedrale dell’Assunzione di Maria Vergine: costruita nel XVI secolo, è uno dei migliori esempi di architettura sacra lusitana dell’arcipelago. Da non perdere, oltre al suo campanile, i soffitto in cedro, avorio e conchiglie, e l’altare gotico.
  2. Funchal, Zona Velha e Mercado dos lavoradores: la zona vecchia di Funchal, una volta quartiere di pescatori, ora è una delle zone principali della città, centro della vita notturna e della movida grazie al numero elevato di bar, ristoranti e locali. Altrettanto interessante è il mercato degli agricoltori, questo significa il suo nome, è una meraviglia di profumi e colori, oggi una vera e propria attrazione turistica.
  3. Jardim Botanico e Louro Parque: A 3 km da Funchal sorge il Jardim Botanico, un parco di inestimabile bellezza, che contiene la più grande collezione di piante esotiche del mondo. Si parla di ben 80.000 metri quadrati di verde di piante officinali, palmizi e piante cactacee. Nella stessa zona troverete anche il Louro Parque, un parco dedicato alla fauna aviaria del luogo: pappagalli e canarini sono solo due delle tantissime specie di uccelli che qui troverete.
  4. Frente Mar, Jardim Panoramico, Doca do Cavacas e Praia Formosa: In contrapposizione con la natura incontaminata dell’entroterra, Frente Mar, il lungomare di Funchal, rappresenta una vera eccezione. La particolarità di questa zona infatti è data proprio dalla quantità di strutture alberghiere che si susseguono, intervallate da bar, ristoranti e tutto quello che pu rendere il soggiorno in queste isole più piacevole per i turisti. Da segnalare, oltre alla spiaggia, è il belvedere del Jardim Panoramico, un’oasi di pace e verde in una zona particolarmente moderna. Del lungomare fa anche parte Doca do Cavacaz, un gruppo di piscine naturali di origine vulcanica, che si trova poco prima di raggiungere Praia Formosa, la più grande spiaggia pubblica di tutta Madeira, formata in realtà da 4 diverse spiagge: Praia Nova, Praia Formosa, Praia Dos Namorados e Praia do Areero
  5. Curral das Freiras e Santana: a qualche km dalla capitale sorge il paese di Curral das Freiras. Incastonato nella valle vulcanica dell’isola, a 300 metri di altezza, è ricco di castagni, fonte di sostentamento fondamentale della comunità. Altrettanto caratteristico è il paesino di Santana, con i suoi 8.000 abitanti. Situata nella zona nord-orientale di Madeira, famosa per le sue case risalenti al XV secolo, realizzate in pietra, dalla particolare forma triangolare, con tetti di paglia e colori brillanti.
  6. Spiaggia di Porto Santo e Praia le Laje: sull’omonima isola troverete una spiaggia lunghissima, che si estende per oltre 7 km e collega il porto a Punta da Calheta. Se la spiaggia di Porto Santo è famosa per la sua sabbia chiarissima, c’è da segnalare Praia de Laje,conosciuta anche con il nome di Giamaica, caratteristica per la sua colorazione: la sabbia ed i ciottoli che la formano sono infatti di colore nero.
  7. Piscine di Porto Moniz: Tra l tante piscine naturali di Madeira, sono da segnalare assolutamente le piscine di Porto Moniz. Sempre di origine vulcanica, queste piscine naturali possono essere raggiunte tramite percorsi di quali si gode anche di un bellissimo panorama.
  8. Seixal, Chao da Ribeira e Veu de Novia: scelta per far parte del patrimonio dell’Unesco, questa zona delle fufresta Laurissilva sembra un paradiso in terra. Oltre ad una fitta vegetazione qui troverete anche torrenti di acqua limpida, in cui vivono trote, e tantissime specie di uccelli. Sempre nella zona di Seixal troverete il belvedere di Veu de Novia, situato accanto alla cascata naturale omonima.
  9. Museo di arte sacra di Funchal: in questo museo sono raccolti i maggiori esempi di arte sacra delle isole, con particolare attenzione alle opere fiamminghe e del periodo rinascimentale
  10. Museo CR7: dedicato al suo cittadino più celebre, il calciatore Cristiano Ronaldo, il Museo CR7 si propone di raccontare la storia privata e lavorativa del bomber, con tanto di trofei e premi.

In un meraviglioso viaggio del genere bisogna assolutamente visitare Jardim do Mar (traduzione letterale: il giardino del mare).

Jardim do Mar situato sulla costa sud-occidentale di Maderia, è un pittoresco villaggio diritto sul mare, con tre note spiagge di ghiaia: Portinho, Enseada Ponta e Jardim. Queste spiagge attirano molti turisti e locali per il loro ambiente naturale, bello e tranquillo.

Jardim do Mar è nota in tutto il mondo per essere il migliori punto per il surf di Madeira; è qui che nel 2000 ebbero luogo il Red Bull Big Wave Challenge e il Campionato Mondiale di surfing del Febbraio 2001, che le fecero guadagnare la sua popolarità.

ALCUNE FOTO DI JARDIM DO MAR :

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *